Questo articolo è stato letto 0 volte

Sistri: nuovi chiarimenti sugli imballaggi

La produzione di imballaggi non pericolosi derivanti unicamente dall`attivita` di demolizione e costruzione non comporta l`obbligo dell`iscrizione al SISTRI. E` quanto ha affermato il Ministero dell`ambiente, sul sito del SISTRI nell`area domande frequenti.

In particolare, il Ministero ha specificato che sono obbligate ad iscriversi al SISTRI le imprese che producono rifiuti speciali non pericolosi di cui alle lettere c), d) e g) dell`art. 184 del D.Lgs. 152/2006, vale a dire quelle derivanti da lavorazioni industriali e artigianali, nonche` da attivita` di recupero e smaltimento di altri rifiuti, i fanghi da potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque.

Non sono invece tenute ad iscriversi al SISTRI le imprese che producono rifiuti non pericolosi derivanti dall`attivita` di demolizione e ricostruzione di cui alla lettera b) del citato articolo 184 del Codice dell`ambiente.

SISTRI conferma che nel caso in cui un`impresa edile produca, nell`ambito della sua attivita`, rifiuti di imballaggi non pericolosi non deve aderire al SISTRI, a meno che non rientri in una delle altre categorie di soggetti obbligati (produttore di rifiuti pericolosi, trasportatore in conto terzi, trasportatore in conto proprio di propri rifiuti pericolosi, ecc.).

 
Fonte: www.ance.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *