Questo articolo è stato letto 0 volte

Alluvioni 2012 e 2013 in Toscana: fondi per casa e imprese

alluvioni-2012-e-2013-in-toscana-fondi-per-casa-e-imprese.gif

Buone notizie per chi ha subito danni nelle alluvioni del 2012 e del 2013: certificata oggi l’ordinanza del Presidente della Regione Toscana con cui vengono assegnate risorse alle famiglie che hanno avuto case e auto danneggiate nelle alluvioni del 2012.Le risorse ammontano a 7,8 milioni di euro, di cui 6,8 milioni per le case e 1 milione per le auto. I beneficiari del contributo per la casa sono 1215, i beneficiari del contributo per le auto 951.

I 7,8 milioni di euro fanno parte degli 110,9 milioni che lo Stato ha assegnato alla Toscana con il comma 548 della legge di stabilità 2013. Inizialmente era previsto che tali risorse fossero destinate unicamente per interventi pubblici, ma dopo esplicita richiesta da parte del presidente Rossi, il governo ha accettato che una percentuale fino al 25% fosse destinato a famiglie e imprese.

Con l’ordinanza si chiude il ciclo di interventi a favore dei privati. Intanto ai primi di agosto è stata approvata la graduatoria delle imprese, e sono in corso altri due bandi.

Novità quindi anche per le piccole e medie imprese che hanno subito danni per le piogge e alluvioni del settembre e ottobre di quest’anno. Replicando gli interventi già approvati l’anno scorso per le alluvioni 2012, anche le piccole e medie imprese colpite dalle alluvioni 2013 potranno godere di agevolazioni sui prestiti.

In particolare le Pmi avranno a disposizione garanzie gratuite da parte di Fidi Toscana, un ulteriore sconto di mezzo punto sul tetto degli spread già definito nell’accordo tra Regione e banche dell’anno scorso, e la possibilità di posticipare fino a un anno e mezzo la prima rata da pagare per restiture il finanziamento. Inoltre l’istruttoria di Fidi Toscana e delle banche si chiuderà entro 15 giorni dalla presentazione della domanda, con una forte accelerazione sui tempi.

 

Fonte: Regione Toscana

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>