Questo articolo è stato letto 9 volte

Beni demaniali, Campania: ex caserma diventa centro archeologico

beni-demaniali-campania-ex-caserma-diventa-centro-archeologico.jpg

Caserme dismesse ed edifici di vario tipo che non sono più necessari: il percorso di conversione degli immobili appartenenti al Demanio prosegue. Tra i 1500 immobili che al ministero della Difesa non servono più c’è anche l’ex caserma Bruno Tofano a Nocera Inferiore, in provincia di Salerno (Regione Campania). Al suo interno troverà spazio un centro polifunzionale di eccellenza per i reperti archeologici provenienti da tutte le Soprintendenze della Campania.

A comunicarlo è stata ieri l’Agenzia del Demanio. L’edificio in questione risale al 1700 ed è stato costruito per volontà di Carlo III di Borbone: questa settimana è stato consegnato al Ministero dei Beni Culturali che la valorizzerà e utilizzerà per promuovere la conoscenza del patrimonio culturale regionale.

L’operazione prevede la realizzazione all’interno dell’ex caserma di un centro di raccolta sia per i reperti archeologici già disponibili sia per quelli provenienti dalle future campagne di scavo, diventando così il punto di riferimento di tutte le Sovrintendenze per i Beni Archeologici della Campania. Consentirà inoltre di razionalizzare e ottimizzare gli spazi in uso alle diverse Sovrintendenze con un significativo risparmio di spesa per lo Stato.

L’utilizzo dell’ex caserma Tofano a Nocera Inferiore rappresenta un esempio luminoso relativo alla scansione delle nuova modalità di utilizzo di queste strutture in disuso: generare nuovo lavoro e ricchezza per il paese oltre a valorizzare la cultura. Leggi in proposito l’articolo Demanio: 1500 caserme dismesse ora a disposizione dei Comuni italiani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>