Questo articolo è stato letto 0 volte

Bolzano: piano di alloggi in affitto

bolzano-piano-di-alloggi-in-affitto.gif

Il vicepresidente della Provincia, Christian Tommasini, ha incontrato  la Giunta comunale del centro della Bassa Atesina unitamente al presidente dell’IPES Albert Pürgstaller.

“Voglio impegnarmi in prima persona per far partire in tempi brevi a Laives questo importante programma sociale” ha detto l’assessore Tommasini. Al centro dell’incontro le modalità per accelerare la definizione della convenzione da stipulare tra il Comune e la Provincia per la realizzazione di una cinquantina di alloggi per il ceto medio.

Si è concordato di realizzare circa 30 alloggi nella zona denominata “Toggenburg 1” utilizzando le agevolazioni previste dalla Provincia per la realizzazione di 1000 alloggi per il ceto medio.

Si tratterà, come ha illustrato l’assessore Christian Tommasini, di alloggi in affitto che potranno essere utilizzati dagli inquilini per un periodo massimo di dieci anni, ad un canone di affitto che si andrà a collocare in posizione intermedia rispetto al prezzo praticato dall’IPES ed a quello di mercato.

Si tratta di un programma sociale molto importante che consentirà di aiutare le famiglie a reddito medio (fra 15000 e 50000 euro) che faticano a trovare un alloggio in affitto sul mercato a prezzo sostenibile.

A questo scopo i Comuni devono comunicare alla Provincia entro il 3 di maggio la loro eventuale intenzione di prendere parte al programma di edilizia agevolata. Il passo successivo sarà rappresentato dalla stipula di una convenzione tra la Provincia ed il Comune nella quale saranno definite le specifiche condizioni previste di volta in volta dai singoli Comuni.

È possibile, infatti, che un Comune intenda, ad esempio, privilegiare nell’assegnazione degli alloggi le giovani coppie o gli anziani e questi aspetti andranno definiti nell’ambito della convenzione. In questo senso il programma provinciale, ha sottolineato Tommasini, dà un maggiore spazio di concertazione fra i comuni e la Provincia consentendo di soddisfare le loro particolari esigenze di carattere abitativo e sociale.

Il presidente dell’IPES, Albert Pürgstaller, ha espresso la disponibilità dell’Istituto ad operare in sintonia con la Provincia per la realizzazione del piano di edilizia abitativa per il ceto medio ed ha preso visione con i suoi tecnici, tra i quali l’ingegner Gianfranco Minotti, direttore dell’Ufficio Tecnico centro sud dell’IPES, del progetto riguardante la zona “Toggenburg 1”.

 La tipologia degli alloggi, che saranno realizzati dall’IPES, sarà prevalentemente rappresentata da appartamenti di 65/70 mq con due camere da letto adatti a famiglie composte da tre/quattro persone. Le costruzioni rientreranno nella categoria Casa Clima B per agevolare il risparmio energetico.

Nella zona “Toggenburg 1” saranno realizzati all’incirca 28/30  alloggi, mentre per gli altri saranno identificate prossimamente altre zone edificabili del Comune. La Provincia ha previsto nel suo bilancio 2009 un primo stanziamento per la realizzazione di alloggi per il ceto medio che ammonta a 14 milioni di euro.

Fonte: www.provincia.bz.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>