Questo articolo è stato letto 0 volte

Casa e affitti, in Piemonte un nuovo fondo a sostegno delle famiglie

casa-e-affitti-in-piemonte-un-nuovo-fondo-a-sostegno-delle-famiglie.jpg

Per rispondere in modo concreto al crescente numero di persone che in Piemonte non riescono più a pagare l’affitto a causa della crisi economica e della perdita del lavoro, la Regione ha varato due misure importanti a sostegno della casa e della famiglia: il rifinanziamento del cosiddetto Fondo affitti con circa 10 milioni di euro e ulteriori 1,5 milioni di euro per le Agenzie sociali per la locazione.

“Un intervento fondamentale che dimostra – sottolinea il presidente Roberto Cota – che l’impegno in ambito sociale non è mai venuto meno e in questi mesi si concentrerà sulle principali criticità del Piemonte”.

Una delibera di Giunta stabilisce i criteri di assegnazione delle risorse ai Comuni piemontesi per l’accesso al fondo e per la redazione del bando destinato alle Agenzie sociali, ovvero quelle che per conto dei Comuni favoriscono, con determinate garanzie, il reperimento di alloggi privati da dare in affitto a canone agevolato più basso di quello di libero mercato.

“L’azzeramento delle risorse statali destinate al Fondo per il sostegno alla locazione ha di fatto bloccato nel 2012 e nel 2013 la possibilità delle Regioni di intervenire – puntualizza l’assessore Giovanna Quaglia – Oggi con circa 10 milioni la Regione dà una risposta concreta a coloro che non riescono a pagare le spese di affitto. E’ chiaro che nel frattempo aspettiamo l’approvazione dei provvedimenti sulla casa annunciati dal Governo nella legge di stabilità e il via libera al finanziamento di parte statale del Fondo, per complessivi 50 milioni da ripartire tra le Regioni”.

I Comuni interessati, secondo i criteri approvati, dovranno emanare il bando per il sostegno all’affitto entro il 3 febbraio e chiuderlo inderogabilmente entro il 3 marzo 2014. A quelli che metteranno in atto un co-finanziamento sarà riconosciuto un meccanismo premiale.

Fonte: regione.piemonte.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>