Questo articolo è stato letto 1 volte

Case accessibili in Calabria

case-accessibili-in-calabria.jpg

L’assessore regionale al Lavoro ed alle Politiche sociali Francescantonio Stillitani,  ha presentato alla stampa, nella sede dell’Assessorato a Catanzaro, il bando “case accessibili” che riguarda l’abbattimento delle barriere architettoniche nelle abitazioni private.

L’avviso pubblico – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta regionale – è stato pubblicato sul Burc n. 25  del ventiquattro giugno scorso. La dotazione finanziaria, derivante dal POR FESR, è di 5.220.000 euro.

“Il bando – ha detto l’assessore Stillitani – assume particolare rilevanza perché è rivolto a una fascia di soggetti che presentano disabilità grave e consente interventi di eliminazione delle barriere architettoniche ed interventi di domotica nelle abitazioni private. Stiamo investendo molto nel campo delle politiche sociali.

È, infatti, all’approvazione del Consiglio regionale una legge sulla non autosufficienza ed abbiamo lavorato anche per creare opportunità di lavoro per i non vedenti.

Con questo progetto, vogliamo dare la possibilità alle persone con disabilità di poter  vivere bene nelle proprie case, di adeguare le abitazioni alle proprie esigenze, utilizzando soldi pubblici”.

La quota di contributo pubblico per ogni singolo progetto non potrà superare i  venticinquemila euro sul totale dell’investimento ed è  commisurata al reddito ISEE annuo del nucleo familiare di appartenenza. I beneficiari sono i Comuni della Regione che, a loro volta,  dovranno  destinare le risorse finanziarie ai soggetti diversamente abili che ne faranno domanda.

“Con ‘case accessibili’ – ha spiegato l’assessore Stillitani – abbiamo voluto privilegiare i redditi bassi.

Infatti, chi non supera un reddito annuo di 6.235,35 euro ha diritto al 100% del contributo; tra i 6.235,36 e i 15 mila euro di reddito si ha diritto, invece, al 90% del contributo richiesto, tra i 15 mila e i 30 mila euro all’80% fino ad arrivare al 20% con un reddito annuo superiore ai 40 mila euro”.

Per accedere ai contributi, i destinatari dovranno presentare, entro l’8 settembre 2011, al proprio Comune di residenza, l’apposita domanda di finanziamento, reperibile sul sito www.regione.calabria.it/formazionelavoro/.

Una volta verificata l’ammissibilità formale delle domande, i Comuni dovranno trasmetterle entro l’otto ottobre prossimo  alla Regione Calabria.

“Per quella data – ha evidenziato Stillitani –  sarà pronta una commissione esaminatrice, di cui faranno parte rappresentanti dei Comuni e delle ASP. Entro il mese di novembre dovrebbe, quindi, essere pubblicata la graduatoria dei soggetti beneficiari. Nell’assessorato è stato istituito un ufficio per richieste e chiarimenti, allo scopo di evitare ritardi ed errori con la conseguente esclusione dai finanziamenti. Si tratta – ha aggiunto l’assessore – di un’occasione irripetibile.

Per questo mi rivolgo anche alle associazioni dei diversamente abili affinché contribuiscano a diffondere la conoscenza del bando. Con le risorse disponibili potranno essere finanziati oltre trecento progetti. Ma se le domande dovessero essere maggiori faremo il possibile – ha assicurato Stillitani – di reperire altri fondi perché riteniamo che nessuna risorsa possa essere spesa meglio di quelle destinate ai soggetti svantaggiati”.

Fonte: Regioni.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>