Questo articolo è stato letto 3 volte

Catasto digitale: continua la sinergia tra Entrate e professionisti

catasto-digitale-continua-la-sinergia-tra-entrate-e-professionisti.jpg

Viene a completarsi la sinergia tra professionisti tecnici e Agenzia delle Entrate per giungere al catasto digitale. A dichiararlo ufficialmente è stato mercoledì il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, nel corso del convegno Catasto digitale: semplice, veloce, trasparente svoltosi a  Roma: “Entro giugno sarà varato un provvedimento per cui il DOCFA, il catasto dei fabbricati, sarà solo online: già ora il 75% delle comunicazioni sono online vogliamo arrivare al 100% anche perché sono pratiche che fanno i professionisti”.

L’idea generale è quella di promuovere una proficua collaborazione tra l’Agenzia delle Entrate e i professionisti per una più avanzata digitalizzazione dei servizi immobiliari. Nel corso del convegno l’Agenzia delle Entrate ha presentato gli strumenti digitali adottati e quelli formativi destinati ai professionisti per favorire il passaggio alla completa informatizzazione dei servizi. “La creazione di un catasto digitale – ha sottolineato il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi – è un lungo percorso che ci ha visti e ci vede protagonisti, per favorire la modernizzazione del procedimento amministrativo aumentando il livello di compartecipazione e di trasparenza. Mi auguro, quindi, che la nostra collaborazione sia costante e fattiva, perché il confronto e il dialogo permettono di perseguire le soluzioni più idonee per un fisco equo e giusto“.

Leggi anche l’articolo Riforma catasto: questionari via internet dalle Entrate ai cittadini?

“Il lavoro comune fra architetti, ingegneri, geometri e rappresentanti dell’Agenzia delle Entrate che abbiamo svolto nel Lazio – ha precisato Fabrizio Pistolesi, consigliere dell’Ordine degli Architetti di Roma – ha portato a definire le prassi più efficaci per rendere il catasto e le sue procedure più efficienti e ci consente oggi di mirare meglio la formazione specifica dei professionisti con notevoli vantaggi sul piano dei tempi e della riduzione degli errori”.

La digitalizzazione del catasto si inserisce certamente all’interno del percorso di riforma della materia: per saperne di più Maggioli Editore propone il volume La riforma del catasto fabbricati di Antonio Iovine. Nel volume si anticipano i potenziali effetti della riforma, che dovranno ancora essere determinati nei dettagli dall’attività governativa di legificazione. La riforma, andando a recuperare situazioni di sottostima o sovrastima catastale, consentirà l’abbattimento delle aliquote impositive, portandole a un livello sostenibile, e dare nuova competitività al settore edilizio attraendo investimenti interni e anche esteri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>