Questo articolo è stato letto 0 volte

Costruzioni: cosa cambia con le nuove norme

costruzionicosa-cambia-con-le-nuove-norme.gif

Le nuove norme tecniche per le costruzioni, che salvo imprevisti entreranno in vigore il prossimo 1° luglio, sono accompagnate da un testo normativo, la circolare pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26 febbraio 2009 (Supplemento ordinario n. 27).

Il testo ma contiene integrazioni utili per la progettazione delle strutture.

Costruzioni esistenti
Su questo argomento il testo del Dm  ha un approccio decisamente prestazionale (piu` attento a definire le “prestazioni“ che deve avere l`edificio piuttosto che a fornire le regole di applicazione da rispettare nella progettazione).

La circolare, viceversa, contiene una serie di procedure e regole di dettaglio sugli aspetti piu` innovativi quali ad esempio: la valutazione delle proprieta` meccaniche delle murature a partire dalla tipologia muraria, l`individuazione degli aggregati edilizi e delle unita` strutturali sulle quali eseguire le verifiche, le tipologie di intervento e di analisi nel consolidamento delle strutture murarie, dei ponti e degli elementi in cemento armato.

La manutenzione
Il capitolo 10 della circolare tratta le modalita` di redazione del progetto esecutivo e dei suoi elaborati e – aspetto veramente nuovo – delle connessioni strutturali fra elementi architettonici e impianti. Nel capitolo 10, pero`, ci sono anche molte disposizioni sulla manutenzione, che introducono diverse novita`:

1) oltre al piano di manutenzione delle strutture, il progetto deve contenere una precisa rappresentazione degli elementi predisposti per la loro ispezione e manutenzione;

2) nel caso di opere ritenute di particolare importanza dal committente, occorre procedere al controllo incrociato dei risultati delle calcolazioni, mediante la ripetizione dei calcoli da parte di un soggetto qualificato, diverso dal progettista originario. Su incarico del committente, il controllore eseguira` i riscontri mediante l`impiego di programmi di calcolo diversi da quelli impiegati originariamente;

4) il collaudatore statico e` caricato di un compito assolutamente nuovo: deve esprimersi sulla ispezionabilita` delle strutture ai fini della manutenzione.

Tecniche costruttive
Nel capitolo 4 la circolare tratta le diverse tecniche costruttive e contiene significativi approfondimenti per le verifiche agli stati-limite di esercizio (deformabilita`, fessurazione, copriferri, interferri e cosi` via) per le costruzioni in cemento armato.

Mentre per quelle in acciaio, oltre a una particolare attenzione ai problemi di stabilita`, alle unioni saldate e bullonate e ai fenomeni di fatica, un paragrafo tratta i profilati formati a freddo e le lamiere grecate. Ampio spazio e` poi dato alle strutture miste acciaio-calcestruzzo, fondamentali per rendere operative le norme tecniche.

Geotecnica
Uno dei capitoli piu` interessanti e` il sesto, dedicato alla geotecnica. Qui si spiega come giungere ai valori di riferimento (i cosiddetti valori caratteristici che per la geotecnica sono una vera novita`) dei parametri geotecnici quando si affronta la verifica della sicurezza con il metodo agli stati limite.

Particolare attenzione e` poi dedicata alla descrizione dei due possibili approcci progettuali, in particolare per le opere di sostegno, mentre una specifica trattazione e` dedicata alle opere di materiali sciolti ed ai fronti di scavo.

Progetto antisismico
Il capitolo 7 riguarda la progettazione strutturale in presenza di sisma. E` una parte ricca di indicazioni progettuali sui concetti di duttilita`, gerarchia delle resistenze, meccanismi di rottura, dettagli costruttivi.

Molto ampia e` la parte dedicata alle strutture composte acciaio calcestruzzo, ai ponti e in genere ai dispositivi antisismici e dissipativi. Il capitolo si conclude con le opere e i sistemi geotecnici in presenza di sisma, argomento questo molto discusso nel recente passato.

La resistenza del calcestruzzo
In tema di materiali, il capitolo 11 affronta e risolve l`annosa questione del controllo della resistenza del calcestruzzo in opera mediante carotaggi. Si indica una strada abbastanza precisa per quanto riguarda il prelievo delle carote e le modalita` di confronto tra il valore della resistenza delle carote e quello fissato nel progetto. Si tratta di uno dei problemi su cui nel passato si sono registrati lunghi e complessi contenziosi.

 
 Fonte: www.ance.it e Il Sole 24 Ore

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>