Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia: costo di un fabbricato residenziale

edilizia-costo-di-un-fabbricato-residenziale.gif

L’Istituto nazionale di statistica comunica che nel terzo trimestre del 2008 l’indice del costo di costruzione di un fabbricato residenziale, con base 2000 = 100, è risultato pari a 133,4, registrando una variazione di più 1,8 per cento rispetto al trimestre precedente e di più 4,6 per cento rispetto al corrispondente trimestre del 2007.

L’indice misura la variazione dei costi diretti di realizzazione di un fabbricato residenziale prendendo in considerazione la mano d’opera, i materiali e i trasporti e noli necessari alla sua realizzazione.

Nel corso del terzo trimestre del 2008 l’indice mensile è risultato pari a 133,5 nei mesi di luglio ed agosto e a 133,3 nel mese di settembre; in termini congiunturali l’indice è aumentato dello 0,4 per cento a luglio,
è rimasto invariato ad agosto ed è diminuito dello 0,1 per cento a settembre.

Rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente, sono state registrate variazioni del più 4,8 per cento sia a luglio sia ad agosto e del più 4,5 per cento a settembre.

Analisi per gruppi e categorie di costo
Le medie degli indici di gruppo del terzo trimestre del 2008 hanno segnato, rispetto al trimestre precedente, una variazione di più 2,9 per cento per la mano d’opera, più 0,9 per cento per i materiali e più 1,6 per cento per i trasporti e noli.

Rispetto al corrispondente trimestre dell’anno precedente, si sono registrati incrementi del 5,8 per cento per la mano d’opera, del 3,7 per cento per i materiali e del 4,5 per cento per i trasporti e noli.

La variazione congiunturale degli indici mensili del costo della mano d’opera è stata nulla nei primi due mesi del terzo trimestre e del più 0,1 per cento in settembre.

I prezzi dei materiali hanno sono aumentati, in termini congiunturali, dello 0,6 per cento a luglio, sono rimasti invariati ad agosto e sono diminuiti dello 0,2 per cento a settembre.

All’interno del gruppo dei materiali, le variazioni congiunturali più significative hanno riguardato, nel mese di luglio, l’impermeabilizzazione e isolamento termico (più 3,2 per cento) e i metalli (più 2,1 per cento), nel mese di settembre i metalli (meno 2,8 per cento) e i legnami (meno 0,5 per cento).

Per il gruppo trasporti e noli l’indice ha registrato un incremento congiunturale dell’1,4 per cento a luglio e variazioni nulle ad agosto e a settembre.

Indici per capoluogo di regione e di provincia autonoma
Dal confronto degli indici del terzo trimestre 2008 per capoluogo di regione e di provincia autonoma si rileva che gli incrementi congiunturali più significativi si sono registrate ad Ancona (più 3,4 per cento) e a
Genova (più 2,8 per cento), mentre le variazioni tendenziali più rilevanti hanno riguardato Napoli (più 7,6 per cento) e Milano e Perugia (entrambe più 6,2 per cento).

Note informative

Serie storiche

Fonte: www.istat.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico