Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia e ambiente in Sardegna

edilizia-e-ambiente-in-sardegna.gif

Contributi a fondo perduto, presentata la graduatoria provvisoria
E’ stata presentata la graduatoria provvisoria del bando per la concessione del contributo regionale a fondo perduto, relativo ad acquisto, costruzione e recupero della prima casa di abitazione. Sono 1.058 gli aventi diritto a questo intervento, che ha messo a disposizione sino a un massimo di 25mila euro e non è cumulabile con altre agevolazioni pubbliche per la prima casa.

Il contributo copre al massimo il 25% della spesa totale, per i nuclei familiari che – fatte le opportune detrazioni – hanno un reddito sino a 21.536 euro. Per le fasce di reddito convenzionale da 21.536,01 a 35.894 euro, la Regione ha concesso sino a un massimo di 20mila euro.

Il bando, come ha ricordato il direttore del servizio di Edilizia residenziale, Patrizia Becca, "era stato pubblicato il 28 giugno scorso ed è scaduto il 26 settembre. Le domande valide, tra quelle pervenute alla Regione, sono 3.322 (presentate sia on line che in formato cartaceo), ma 645 sono quelle risultate irregolari a causa del mancato rispetto di tutti i punti fissati sul bando".

Non mancano le curiosità. Dando uno sguardo alla graduatoria dei contributi concessi per i singoli Comuni, alle spalle di Cagliari (35), Nuoro (32) e Sassari (29) troviamo due località dell’interno: Sedilo e Orune, entrambe con 22 contributi. "È un dato interessante – sottolinea l’assessore Mannoni –, perché ci fa capire che l’attenzione verso la casa non è più soltanto un’esigenza dei centri più grandi".

Questo intervento è pari a un quarto del finanziamento regionale che, tra il 2006 e il 2008, ha garantito l’accesso al fondo regionale di edilizia abitativa (regolato dalla legge 32/1985), con tasso d’interesse agevolato.

"Un impegno importante – ha commentato Mannoni – che, insieme all’altro (a sportello, cioè pensato per soddisfare tutte le domande pervenute alla Regione), parla di 125 milioni 579mila euro a favore delle giovani coppie e dei nuclei familiari meno agiati".
*****

Un milione di nuovi alberi in Sardegna
Un milione di nuovi alberi da piantare in tutta l’isola. L’ambizioso progetto presenta due obiettivi: un programma di riqualificazione ambientale e paesaggistica di sistemi verdi urbani e periurbani della Sardegna e un’azione didattica di educazione ambientale destinata agli alunni delle scuole elementari e medie.

Il programma "1 milione di nuovi alberi" è dedicato al recupero funzionale e alla riqualificazione paesaggistica, attraverso la piantumazione delle diverse specie forestali arbustive ed arboree autoctone dell’isola, di diversi contesti:
– i sistemi verdi urbani e periurbani;
– le fasce attigue alla viabilità stradale di competenza comunale, provinciale, regionale o di altre amministrazioni nonché di gli tutti ambienti che, più intensamente di altri, sono stretti attorno ai concetti di fruizione, cultura, decoro e che, per la loro tutela, risulta significativo che i cittadini del domani instaurino legami di affezione, rispetto e cura.

L’iniziativa si articola in una campagna informativa e divulgativa dell’iniziativa nei confronti delle amministrazioni locali e delle scuole; seguirà dapprima la raccolta di apposite schede tecniche, diffuse attraverso il sito Internet istituzionale della Regione, che dovranno essere compilate a cura degli enti locali, comuni e province, interessati ad aderire all’iniziativa, per consentire di identificare puntualmente le singole aree.

L’Ente foreste, al quale spettano i compiti di cantierizzazione e organizzazione tecnico-operativa e logistica, procederà, entro il mese di dicembre al sopralluogo dei siti proposti ed organizzare, conseguentemente, i lavori di preparazione delle superfici da piantumare.
Le amministrazioni locali saranno inoltre chiamate a gestire le attività di smaltimento di eventuali materiali rinvenuti.

Fonte: www.regione.sardegna.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico