Questo articolo è stato letto 1 volte

Edilizia, in Emilia Romagna arriva il marchio di “Cantiere etico”

edilizia-in-emilia-romagna-arriva-il-marchio-di-cantiere-etico.jpg

La Regione ha avviato una nuova fase per un’edilizia sostenibile, sicura e di qualità.

Occorre aumentare la partecipazione dei soggetti in campo, potenziare i controlli, ma soprattutto promuovere iniziative come quella del ‘Marchio di cantiere etico’ e la ‘Carta etica delle professioni intellettuali’, strumenti utili a contrastare i fenomeni di infiltrazione malavitosa, corruzione e usura».

Lo ha detto l’assessore regionale ad Attività produttive ed edilizia, Gian Carlo Muzzarelli, intervenendo alla Consulta regionale del settore edilizia e costruzioni.

Il “marchio di cantiere etico” – sperimentato dal Comune di Ravenna e che si sta diffondendo in tante altre regioni italiane –  coinvolge tutta la filiera delle imprese e definisce un modello di organizzazione e di sicurezza per le stazioni appaltanti, interessando sia il livello organizzativo e relazione della pubblica amministrazione, sia quello dell’ultimo subappaltatore della filiera del cantiere.

Il sistema di qualità è il SA8000, è definito in coerenza con la Dichiarazione Universale dei diritti umani dell’Onu e d questo standard derivano molti altri sistemi di qualità europei.

In occasione della Consulta del settore edile è stata presentata anche la ‘Carta etica delle professioni intellettuali’.

Si tratta di un’esperienza positiva promossa dall’Ordine degli Ingegneri di Modena, che sarà diffusa a livello regionale per contrastare i fenomeni di infiltrazione malavitosa, corruzione e usura.

Con queste iniziative la Regione punta ad alzare il livello di guardia contro omertà e criminalità, agendo attraverso un sistema integrato di sicurezza territoriale, nonché di qualificazione e di idoneità degli operatori economici, dei professionisti e delle stesse amministrazioni pubbliche.

«La situazione – ha aggiunto Muzzarelli – economica e sociale è delicata ed il settore edile ne risente in modo acuto. Puntare sulla qualità e sulla sicurezza, che implica ricerca ed innovazione, è una chiave decisiva per uscire positivamente dalla crisi che sta generando grande preoccupazione nel settore dell’edilizia e delle costruzioni.

Sulla base di quanto previsto dalla legge regionale 11 del 2010 (Disposizioni per la promozione della legalità e della semplificazione nel settore edile e delle costruzioni a committenza pubblica e privata), continueremo a promuovere sistemi e percorsi di qualificazione, sia delle stazioni appaltanti sia delle imprese, utilizzando tutti gli strumenti a disposizione: formazione, incentivi, elenchi di merito, protocolli, progetti e bandi».

Fonte: Regioni.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>