Questo articolo è stato letto 0 volte

Emilia Romagna: accordo Regione-Ministero dell’economia

emilia-romagna-accordo-regione-ministero-delleconomia.jpg

E’ stato siglato a Roma tra la Regione Emilia-Romagna e il Ministero della salute, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, l’accordo di programma relativo all’ultima tranche di interventi in edilizia sanitaria previsti dal programma pluriennale "ex articolo 20" della legge finanziaria 67/88. Il finanziamento complessivo ammonta a 57 milioni di euro (45,4 da Stato, 3,5 da Regione, 8,3 da Aziende sanitarie). Una "fetta" andrà anche a Piacenza. Fino ad oggi il programma pluriennale di edilizia sanitaria e socio-sanitaria ha finanziato in Emilia-Romagna interventi per 2,413 miliardi di euro (sempre da risorse statali, regionali, aziendali). Gli investimenti finanziati con questa ultima trance sono stati già programmati con la delibera n.483 del Consiglio regionale dell’Emilia-Romagna nel 2003.

In particolare per la provincia di Piacenza gli interventi riguardano l’adeguamento delle strutture dell’Ausl di Piacenza alle norme per l’autorizzazione e l’accreditamento (7,4 milioni), ed un nuovo deposito economale e farmacia dell’ospedale di Piacenza (3 milioni). Previsione di interventi anche nelle strutture sanitarie in provincia: è il caso del completamento e della ristrutturazione dell’ospedale di Castel S. Giovanni, Ausl di Piacenza (3,2 milioni). Sempre nella stessa occasione il Ministero della salute, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, ha destinato ad un nuovo programma di investimenti in edilizia sanitaria (ancora sulla base dell’articolo 20 legge 67/88) 2,3 miliardi di euro da ripartire tra le Regioni sulla base di programmi regionali che prevedano risorse aggiuntive di Regioni e Aziende sanitarie. All’Emilia-Romagna sono destinati 163,5 milioni di euro, a cui si aggiungeranno circa 8,5 milioni da bilancio regionale, oltre a risorse aziendali da quantificare. La programmazione di questi nuovi interventi sarà definita entro i primi mesi del 2008.

fonte: http://www.liberta.it/

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico