Questo articolo è stato letto 8 volte

ERP, 589 alloggi a canone sostenibile in Sicilia

erp-589-alloggi-a-canone-sostenibile-in-sicilia.gif

L’Accordo di programma quadro firmato a Roma fra la Regione siciliana e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti da’ il via libera a circa 147 milioni di euro fra fondi statali, regionali, di enti locali e di privati, che consentiranno di realizzare 589 alloggi a canone sostenibile e diverse opere di urbanizzazione primaria e secondaria in tutta l’isola.

“Tutti interventi ad alto valore aggiunto in termini di lavoro – ha spiegato l’assessore regionale per le Infrastrutture e la Mobilita’, Pier Carmelo Russo -, che oltre ad aumentare la disponibilita’ di immobili destinati all’ edilizia sociale determineranno certamente un incremento occupazionale.

Sotto questo profilo, si tratta di una importante risposta all’allarme lanciato in questi giorni dall’Ance, in un momento di forte crisi del settore dell’edilizia, in particolare di quella abitativa”.

   Gli alloggi saranno realizzati a Caltagirone, Modica, Sant’Agata di Militello, Fiumedinisi, Pantelleria, Agrigento, Portopalo di Capopassero, Erice, Castelvetrano, Comiso, Castelbuono, Scicli, Canicattini Bagni, Caltanissetta e Pozzallo, in base a un elenco di proposte ammesse a finanziamento. Entro 180 giorni saranno siglati i protocolli d’intesa con i Comuni interessati.

Nel dettaglio, i fondi a disposizione provengono dal Ministero delle Infrastrutture (27 milioni e 834 mila euro gia’ assegnati con delibera Cipe), dalla Regione (13 milioni e 732 mila euro), da enti locali (6 milioni e 931 mila) e da investimenti privati(oltre 99 milioni di euro).

Sempre sul fronte dell’edilizia abitativa, un’altra buona notizia arriva dall’avviso pubblico per la realizzazione di interventi di recupero degli edifici nei centri storici, grazie all’accensione di mutui ventennali per i quali la Regione coprira’ la quota interessi: entro la prossima settimana saranno definite le pratiche per i primi finanziamenti dopo che, in tempi rapidissimi, sono state analizzate oltre 900 richieste.

 “E’ una legge – ha sottolineato l’assessore Russo – rimasta quiescente per oltre tre anni, che abbiamo avviato e che, nell’arco di sei mesi, stiamo portando a conclusione tra bando, esame delle istanze e stipula dei contratti. Va sottolineato come si tratti di un bando senza scadenza ma ‘a sportello’ e che esiste ancora una buona disponibilita’ di risorse”.

Del budget a disposizione – 12 milioni di euro – sono stati, infatti, finora impegnati poco piu’ di 5 milioni. Si calcola che, a regime, l’intervento movimentera’ complessivamente circa 300 milioni di euro.

Fonte: Adnkronos

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>