Questo articolo è stato letto 29 volte

Gestione rifiuti: responsabilità condivisa (estesa)

Modello di simulazione dei costi efficienti del servizio rifiuti

di MASSIMO BUSA’

In una recente pronuncia la Cassazione (Sez. III Pen., sentenza n. 5912 del 14 febbraio 2020) ha richiamato uno dei principi cardine su cui si fonda l’assetto normativo in materia di rifiuti,ossia la responsabilità condivisa tra i diversi soggetti che intervengono nel ciclo di gestione dei rifiuti “dalla culla alla tomba”.Nella specie, il legale rappresentante di una società autorizzata al ritiro di rifiuti per successiva messa in riserva (R13) ha presentato ricorso avverso la pronuncia di condanna per gestione illecita di rifiuti ai sensi dell’art. 256, d.lgs. 152/2006, emessa in primo grado nei suoi confronti per non aver preventivamente verificato se il soggetto trasportatore da cui aveva ricevuto il carico fosse iscritto o meno all’Albo Gestori Ambientali…

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

>> SPECIALE DISCIPLINA GIURIDICA DEI RIFIUTI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>