Questo articolo è stato letto 0 volte

Governo del territorio e lavoro in Piemonte

governo-del-territorio-e-lavoro-in-piemonte.gif

Nuovo Piano territoriale regionale
La Giunta regionale ha adottato, nella seduta del 16 dicembre scorso su proposta dell’assessore alla Pianificazione territoriale, Sergio Conti, il nuovo Piano territoriale regionale (PTR).

Il Piano si inquadra nell’ambito della revisione complessiva della normativa e della disciplina degli strumenti per il governo del territorio ai vari livelli amministrativi e costituisce il primo strumento progettuale cui si affiancheranno il Piano paesaggistico e la nuova legge di pianificazione per il governo del territorio.

Il nuovo Piano svolge un doppio ruolo: da un lato, di definizione e controllo delle trasformazioni territoriali e, dall’altro, di strumento di supporto alle politiche di programmazione e sviluppo strategico regionale.

La matrice territoriale su cui si sviluppa il Piano si fonda sulla suddivisione del territorio regionale in 33 Ambiti di Integrazione Territoriale (AIT), in ciascuno dei quali sono rappresentate le connessioni attuali e potenziali, strutturali e dinamiche, che devono essere oggetto di una pianificazione integrata.
Per essi il Piano definisce percorsi strategici, secondo una logica multipolare, in grado di mettere a frutto la ricchezza e la varietà dei sistemi produttivi, culturali e paesaggistici presenti nella regione.

“Con l’adozione del nuovo PTR – sottolinea l’assessore Sergio Conti- prende avvio un processo di rinnovamento degli strumenti e delle regole di governo del territorio, il cui successo dipenderà dalla capacità delle istituzioni locali e regionali di mettere in comune prospettive strategiche, ovvero favorire logiche di relazione fra gli attori per governare processi complessi e definire, in un’ottica di co-pianificazione e di sussidiarietà amministrativa, le strategie di sviluppo della regione.”

Gli elaborati del Piano sono consultabili all’indirizzo: www.regione.piemonte.it/sit/
*****

Nuova legge sul lavoro
Promuovere condizioni occupazionali continuative e stabili, contrastare la precarizzazione, ridurre i rischi per la sicurezza e la salute, favorire le pari opportunità e ridurre le disuguaglianze sono alcuni degli obiettivi che si propone la nuova legge sul lavoro approvata il 12 dicembre dal Consiglio regionale su iniziativa della Giunta.

La legge riunisce in un unico testo le disposizioni legislative regionali in materia di politiche del lavoro e di servizi per l’impiego, integrate ed adeguate alla riforma del titolo V della Costituzione, alla normativa comunitaria e statale e allo Statuto, introducendo nuove norme nell’attuale contesto di trasformazione del mercato del lavoro e delle sue regole.

"Una legge unica su questa materia – afferma la presidente Mercedes Bresso – facilita la gestione di norme complesse, semplificandole e aggiornandole, e assume una rilevanza ancora maggiore in un momento di crisi come quello attuale che ripropone il tema del lavoro in modo drammatico".

Fonte: www.regione.piemonte.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico