Questo articolo è stato letto 1 volte

IMU 2013, cosa succede a immobili produttivi, speciali e pertinenze

imu-2013-cosa-succede-a-immobili-produttivi-speciali-e-pertinenze.jpg

Meno quattro. Mancano quattro giorni alla scadenza per il pagamento dell’acconto di giugno per l’IMU 2013 ed è utile proseguire con il punto su come devono comportarsi i diversi proprietari degli immobili. Abbiamo già scritto chi paga e chi non paga.

Per quanto riguarda invece gli immobili produttivi come i capannoni industriali, gli alberghi, le banche, i cinema, gli ospedali, le case di cura e tutti gli edifici iscritti a catasto nella categoria D, questi sono tenuti al pagamento dell’IMU 2013. Fanno eccezione solo gli immobili rurali strumentali alla conduzione delle attività agricola iscritti a catasto nella categoria D/10.

L’altra grande “famiglia” di immobili diversi dalle abitazioni e dagli immobili produttivi ricadono nelle categorie catastali B e C (gli immobili a destinazione speciale della categoria E sono esenti). Essi comprendono gli uffici, stazioni, negozi ecc. e sono soggetti al pagamento dell’IMU 2013.

Nello specifico, all’interno della categoria catastale C vi sono le c.d. pertinenze. Come abbiamo avuto modo di dire nei post precedenti, anche le pertinenze godono della sospensione del pagamento dell’acconto IMU 2013 del prossimo 17 giugno, purché siano a servizio di una abitazione che funge da prima casa e fino a un massimo di tre pertinenze di categoria diversa (quindi, ad esempio, una cantina, un box auto e un locale deposito).

Tutte le altre pertinenze non di prime case o quelle di prime case che eccedono il limite sopra riportato, sono soggette all’imposta municipale unica.

Ricordiamo infine ai nostri lettori che per sapere tutto sulle aliquote e sui codici tributo da utilizzare è possibile consultare il post di Ediltecnico.it Pagamento IMU 2013, le aliquote, i codici tributo e il calcolo, dove si trova anche il link al software gratuito per il calcolo dell’imposta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>