Questo articolo è stato letto 0 volte

IMU e TASI 2014, “effetto imposte devastante” secondo la Fiaip

imu-e-tasi-2014-effetto-imposte-devastante-secondo-la-fiaip.jpg

L’onda d’urto del Tax Day è transitata con tutta la sua forza ieri sul nostro paese, lasciando strascichi di non lieve rilevanza: a parlare proprio ieri di “effetto imposte devastante” sono stati i rappresentanti della Fiaip (Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali) che in una nota hanno definito il 16 dicembre come il “giorno della vergogna”.

Leggi in proposito l’articolo TASI e IMU, nel 2015 cosa accadrà?

Secondo l’associazione “le tasse sulla casa non sono diminuite a differenza di quanto sostenuto dal Governo. Per molte famiglie – spiega il presidente della Fiaip, Paolo Righi – la TASI è più cara della vecchia IMU, e peserà di più sulle tasche dei contribuenti. Ormai siamo di fronte al ribaltamento del rapporto tra Stato e cittadini: la pressione fiscale è ormai insostenibile per famiglie ed imprese e gli italiani lavorano per sostenere lo Stato, che nel frattempo continua ad accumulare anno dopo anno debito pubblico”.

Parole forti quelle del rappresentante degli agenti immobiliari, che ha poi sottolineato: “30 miliardi di imposte sulla casa che hanno reso le famiglie italiane ancora più povere in Italia, le imposte sono cresciute il doppio dei redditi e persino le tredicesime degli italiani verranno utilizzate quest’anno per pagare le tasse sulla casa”. Aggiungendo lo sconcerto per la mancata proroga per il pagamento delle tasse in molti Comuni colpiti dalle recenti alluvioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>