Questo articolo è stato letto 66 volte

Le sottili differenze tra tettoia e pergolato: l’opinione del CdS

le-sottili-differenze-tra-tettoia-e-pergolato-lopinione-del-cds.jpg

Quali differenze intercorrono tra tettoia e pergolato? La risposta non è sempre così immediata. In soccorso giunge il supremo tribunale amministrativo italiano, il Consiglio di Stato, che attraverso la sentenza 18 febbraio 2015, n. 825, ha delineato in maniera nitida il confine che passa tra tettoia e pergolato, elencando le differenza tra le due tipologie di manufatto.

“La differenza fra tettoia e pergolato – spiegano i giudici del Consiglio di Stato – appare riconducibile al linguaggio comune, che individua la tettoia come una struttura pensile, addossata al muro o interamente sorretta da pilastri, di possibile maggiore consistenza e impatto visivo rispetto al pergolato (normalmente costituito, quest’ultimo, da una serie parallela di pali collegati da un’intelaiatura leggera, idonea a sostenere piante rampicanti o a costituire struttura ombreggiante, senza chiusure laterali)”.

La questione sottoposta all’esame del Consiglio di Stato era legata alla natura di un intervento edilizio realizzato nel centro storico di Bari mediante copertura di un pergolato già autorizzato con tegole in cotto.

Per approfondire il tema leggi l’articolo Tettoia in legno: quando è necessario il permesso di costruire?

Insomma, secondo il punto di vista dei giudici di Palazzo Spada, la tettoia si configura come una struttura pensile, addossata al muro o interamente sorretta da pilastri, più ingombrante rispetto al pergolato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>