Questo articolo è stato letto 1 volte

Lombardia: insediato l’Osservatorio sulla condizione abitativa

lombardia-insediato-losservatorio-sulla-condizione-abitativa.jpg

Una verifica puntuale sugli effetti della legge regionale sull’edilizia residenziale pubblica (n. 27 del 2007) e le eventuali proposte da sottoporre alla valutazione della Giunta regionale. A questo sta lavorando l’Osservatorio regionale sulla condizione abitativa che l’assessore alla Casa e Opere Pubbliche, Mario Scotti, ha insediato nei giorni scorsi.

All’incontro, allargato anche agli Enti proprietari e alle parti sociali, erano presenti:
per le ALER:
– Domenico Ippolito, direttore generale ALER Milano,
– Franco Zecca, presidente ALER Pavia,
– Lorella Sossi, direttore generale ALER Brescia, coordinatore direttori ALER;
per ANCI:
– Maura Ruggeri, assessore del Comune di Cremona,
– Paolo Viesti, funzionario del Comune di Sesto San Giovanni,
– Franco Salvador, per il Comune di Rozzano;
per le Organizzazioni sindacali:
– Stefano Chiappelli, SUNIA
– Pierluigi Rancati, SICET
– Mario Savy, UNIAT
– Bruno Cattoli, Unione Inquilini
– Giancarlo Pelucchi, CGIL
– Michelangelo Spada, CISL
– Giuseppe Doria, UIL,
– Daniela Cavallotti, CUB,

"Crediamo molto in questo nuovo organismo che – commenta l’assessore Scotti – sarà lo strumento con il quale vogliamo mantenere un contatto diretto con gli inquilini degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. E’ un tavolo di confronto permanente che sarà fondamentale per avere indicazioni che poi valuteremo nelle apposite sedi".
L’assessore Scotti ha anche fatto presente che l’Osservatorio ha il compito di verificare gli impatti dell’intera legge e non solo quelli della parte relativa ai canoni. "In Lombardia – ricorda l’assessore – ci sono oltre 170.000 alloggi di edilizia residenziale pubblica che fino all’inizio del 2008 erano regolati da una legge che risaliva al 1983".

"E’ dunque del tutto evidente – continua – che non si poteva andare avanti così. Era dunque necessario un nuovo strumento più adeguato alla situazione attuale che, soprattutto, tenesse conto della reale situazione economica delle famiglie".
"Siamo solo all’inizio – conclude Scotti – di un lavoro puntuale che proseguirà con la verifica dei primi punti che le parti hanno chiesto di approfondire".

Fonte: www.regione.lombardia.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico