Questo articolo è stato letto 0 volte

Lombardia, poche case popolari e troppa edilizia libera

lombardia-poche-case-popolari-e-troppa-edilizia-libera.gif

Nel 2018 in Lombardia mancheranno 418.324 case popolari a canone sociale e 147.172 alloggi di edilizia convenzionata.

In compenso, si registrerà un surplus di edilizia libera pari a 367.811 case, “perché i Comuni hanno previsto nei piani urbanistici un eccesso di edilizia residenziale libera per un mercato che non c’é, che da solo basterebbe a coprire il 65% della domanda di alloggi a canone sociale o convenzionato”.

A lanciare l’allarme è uno studio della Cisl e del Sicet Lombardia. “La politica abitativa nazionale deve voltare pagina – ha commentato il segretario generale della Cisl Lombarida, Gigi Petteni – perché a tanta domanda di case popolari non si risponde con i soli fondi immobiliari, ma tornando ad investire nell’edilizia pubblica con un vero piano per la casa”.

Dal canto suo, il governo assicura il suo impegno: “il piano casa si rivolge in modo specifico a quelle categorie che stanno soffrendo il disagio abitativo”, dice il viceministro alle Infrastrutture, Mario Ciaccia, che assicura “circa 72 mila alloggi a canone sostenibile” da destinare a queste persone. 

Fonte: Ansa

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico