Questo articolo è stato letto 0 volte

Lombardia: siglato Accordo Quadro Sviluppo Territoriale

lombardia-siglato-accordo-quadro-sviluppo-territoriale.jpg

Ventisette progetti già finanziati con oltre 847 milioni di euro, di cui 198 milioni di competenza di Regione Lombardia e 649 a carico di altri soggetti. Sono "i numeri" del primo piano di azione dell’Accordo Quadro di Sviluppo Territoriale (AQST) di Bergamo che coinvolge, oltre a Regione Lombardia, Provincia, Comune, Camera di Commercio e Università di Bergamo, le 8 Comunità Montane del territorio bergamasco e la Diocesi.
Altri 34 progetti, elaborati anch’essi con l’obiettivo di valorizzare il territorio orobico, costituiscono il piano d’azione integrativo che prevede interventi per i quali, pur in presenza di una condivisione di massima, non sono ancora stati compiutamente definiti tutti gli aspetti procedurali.

L’Accordo Quadro per la provincia di Bergamo, approvato nel febbraio scorso dalla Giunta regionale, è stato ora firmato dal presidente della Regione Roberto Formigoni e dagli assessori coinvolti in base alle materie di loro competenza: la vice presidente Viviana Beccalossi (Agricoltura), Marco Pagnoncelli (Qualità dell’Ambiente e presidente delegato del Comitato di Coordinamento dell’Accordo Quadro), Gian Carlo Abelli (Famiglia e Solidarietà Sociale), Davide Boni (Territorio e Urbanistica), Massimo Buscemi (Reti, Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo sostenibile), Raffaele Cattaneo (Infrastrutture e Mobilità), Massimo Corsaro (Industria, Piccola e Media Impresa e Cooperazione), Massimo Ponzoni (Protezione Civile, Prevenzione e Polizia Locale), Pier Gianni ProsperiniGianni RossoniMario Scotti (Casa e Opere Pubbliche), Massimo Zanello (Culture, Identità e Autonomie della Lombardia).

"L’azione di governo che Regione Lombardia ha messo a punto in questi anni – ha sottolineato il presidente Formigoni – è diventata un vero e proprio modello di riferimento. Con questo tipo di accordi vengono infatti puntualmente individuate le necessità di un territorio e vengono fornite risposte concrete, grazie all’apporto che tutti gli enti si impegnano a garantire". "La Regione – ha aggiunto il presidente – vuole infatti favorire lo sviluppo della provincia attraverso la valorizzazione delle esigenze del territorio, la pianificazione locale, indirizzando verso di esse le risorse dei piani finanziari regionali".

Si tratta infatti di una serie di interventi di qualità, funzionali a una strategia complessiva di sviluppo per il territorio. Il piano d’azione è stato elaborato utilizzando il metodo del partenariato locale.
"In un mondo che corre – ha continuato il presidente Formigoni – la competizione è la regola e Regione Lombardia è a fianco delle provincia di Bergamo per reggere la concorrenza internazionale e aumentare la competitività e l’attrattività dei suoi territori".
Soddisfatto anche l’assessore Pagnoncelli, secondo il quale "l’ottimo lavoro svolto in modo sinergico con le parti sociali consente di iniziare un percorso proficuo di collaborazione con gli enti locali".

Dal 2001 ad oggi, infatti, in provincia di Bergamo si sono svolte numerose sessioni generali e tematiche del Tavolo Territoriale di Confronto, tutte attività preparatorie per la definizione del testo dell’Accordo Quadro di Sviluppo Territoriale, le cui linee guida sono:
– "Il turismo come progetto di sviluppo",
– "Una strategia per la mobilità sostenibile",
– "Qualità dell’ambiente come scelta strategica",
– "Il nuovo welfare locale, il patto sociale e la qualità dei servizi",
– "Infrastrutturazione integrata per lo sviluppo economico".
Hanno sottoscritto il documento il presidente della Provincia di Bergamo, Valerio Bettoni, il sindaco della città, Roberto Bruni, i presidenti delle Comunità Montane, la Camera di Commercio di Bergamo, il Rettore dell’Università degli Studi, Alberto Castaldi, e il delegato vescovile della Diocesi mons. Gervasoni.

I campi di intervento dell’Accordo Quadro

fonte: www.regione.lombardia.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico