Questo articolo è stato letto 2 volte

Nuova attività per il porto canale di Cagliari

nuova-attivit-per-il-porto-canale-di-cagliari.gif

Ritornano navi e container nel Porto canale di Cagliari. La ripresa dell’attività è prevista tra poche settimane, quando rientreranno al lavoro i 205 operai in cassa integrazione, vittime di una crisi che nei mesi scorsi aveva costretto lo scalo alla paralisi.
La società di gestione ha stipulato un contratto quinquennale con un gruppo di sei società di trasporto, tra cui Hapag Lloyd, per un valore di 700.000 TEU (l’unità di misura del volume dei container).

La notizia, già nota da qualche giorno, è stata confermata dalla Regione e dall’Autorità portuale di Cagliari nel corso di una conferenza stampa che si è svolta nella sede della presidenza della Giunta. L’Assessore dei Trasporti Sandro Broccia e il Presidente dell’Autorità portuale Paolo Fadda hanno anche annunciato nuove assunzioni (si parla di una sessantina di nuovi operatori) e corsi di riqualificazione per il personale già in attività. […]

La Regione ci crede e mette sul piatto un investimento cospicuo: 60 milioni e 600 mila euro, previsti da una delibera del dicembre 2007 e ripartiti tra risorse proprie, fondi Cipe e l’intervento di soggetti privati. Questi ultimi coprono la metà della somma finalizzata al rilancio in grande stile delle attività.

"Stiamo ragionando – ha detto l’Assessore Broccia – su come sfruttare la centralità del porto per le rotte verso la Spagna e il Nord Africa, ma è necessario che la Sardegna faccia sistema con i suoi porti". Laddove fare sistema fa rima con specializzazione: Olbia dovrà valorizzare la sua vocazione di porto in grado di accogliere il traffico passeggeri in virtù della sua vicinanza alla penisola, Cagliari dovrà rafforzare il proprio ruolo nel movimento delle merci e nel transhipment.

Tra gli interventi infrastrutturali previsti, è stato annunciato l’arrivo di quattro nuove gru, mentre tre delle sette già presenti verranno adeguate all’arrivo delle più grandi navi madri portacontainer. Anche il fondale dovrà passare da 16 a 18 metri di profondità con un nuovo escavo, opera per cui dovranno essere reperite le risorse.

Fonte: www.regione.sardegna.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico