Questo articolo è stato letto 105 volte

Occupazione di suolo pubblico: responsabilità del Comune in caso di diniego

Occupazione di suolo pubblico

Occupazione di suolo pubblico: il Consiglio di Stato, attraverso la sentenza 14 giugno 2017, n. 2910, afferma che laddove la valutazione della Pubblica Amministrazione non sia macroscopicamente irragionevole, illogica, arbitraria o viziata da travisamento di fatti, essa si sottrae al sindacato di legittimità. Nel caso di specie, la motivazione addotta nell’atto impugnato per negare la voltura di occupazione di suolo pubblico ad uso plateatico è fondata sull’esigenza di tutelare la circolazione dei mezzi e dei pedoni lungo la strada interessata. Si tratta di una valutazione discrezionale, ragionevole e ineccepibile, che per i giudici conserva la sua validità anche se la società ricorrente si duole di essere stata ingiustamente discriminata rispetto ad altre analoghe occupazioni di suolo pubblico rilasciate dalla PA nella medesima via.

>> CONSULTA LA SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO 14 GIUGNO 2017, n. 2910.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>