Questo articolo è stato letto 0 volte

Ok delle regioni alle linee guida per la certificazione energetica

ok-delle-regioni-alle-linee-guida-per-la-certificazione-energetica.gif

Il 20 marzo scorso la Conferenza Unificata ha espresso parere favorevole sui decreti attuativi dei Dlgs 192/2005 e 311/2006 e sulle Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici.

Il parere favorevole è subordinato ad alcuni emendamenti (come l’eliminazione delle indicazioni di costi di riferimento per la certificazione e l’applicabilità dei decreti attuativi alle Regioni che non hanno ancora legiferato in materia – quelle che hanno già emanato proprie norme, dovranno verificarne gli eventuali scostamenti dalla normativa statale e provvedere a riallinearsi).

Tre i decreti che costituiscono le norme attuative:
– un DPR in attuazione delle lettere a), b): riguarda le metodologie di calcolo e i requisiti minimi per la prestazione energetica degli edifici e degli impianti termici per la climatizzazione invernale e per la preparazione dell’acqua calda per usi igienici sanitari;
– uno in attuazione della lettera c) dell’articolo 4 comma 1, del Dlgs. 192/2005: definisce i criteri di riconoscimento per assicurare la qualificazione e l’indipendenza degli esperti e degli organismi a cui affidare la certificazione energetica.
– un Decreto interministeriale (Sviluppo-Ambiente-Infrastrutture), in attuazione dell’articolo 6, comma 9 e dell’articolo 5, comma 1 del Dlgs. 192/2005: definisce invece le procedure applicative della certificazione energetica degli edifici e contiene, in allegato, le Linee guida nazionali.

Il decreto interministeriale dovrà essere firmato dai Ministri competenti e pubblicato in Gazzetta Ufficiale; i due DPR dovranno tornare in Consiglio dei Ministri per l’approvazione definitiva, essere firmati dal Presidente della Repubblica e infine pubblicati.

Il Governo è già al lavoro per recepire le richieste delle Regioni e mettere a punto la versione definitiva dei decreti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico