Questo articolo è stato letto 0 volte

P.A., al via l’obbligo di mettere le spese online

p-a-al-via-lobbligo-di-mettere-le-spese-online.jpg

È in vigore dallo scorso 20 aprile il d.lgs. 33/2013 sugli obblighi di trasparenza e comunicazione delle pubbliche amministrazioni.

Con questo provvedimento gli enti locali saranno obbligati a mettere online le risorse da loro gestite, come gli elenchi dei dirigenti amministrativi con tanto di curriculum, elenco di altri incarichi e compensi, tutte le consulenze attivate dall’ente, l’elenco delle società partecipate, ma anche l’elenco dei politici e dei bilanci dei movimenti a cui appartengono.

Per quel che riguarda gli uffici  dovranno essere resi noti i dati sull’organizzazione, le competenze, le risorse e i nomi dei dirigenti con numeri e recapiti ai quali i cittadini possono rivolgersi, l’elenco del personale con relativi costi, i tassi di assenza, i concorsi per il personale e i bonus e premi distribuiti.

Anche gli appalti saranno oggetto di trasparenza,  è obbligatorio pubblicare ogni anno un indicazione sul tempo medio di pagamento degli acquisiti di beni e servizi, in più ogni p.a. dovrà  informare su procedure per l’affidamento e la realizzazione di opere pubbliche e sulla programmazione di quelle da realizzare.

Anche il settore dell’urbanistica sarà interessata dalle novità introdotte dal d.lgs. n. 33/2013:  gli enti locali saranno tenuti a mettere online i piani territoriali, paesaggistici e le relative varianti, le delibere di giunta, gli allegati e anche le proposte urbanistiche.

All’interno di ogni ente sarà nominato un Responsabile della trasparenza e esternamente  l’operazione di controllo sull’effettiva pubblicazione del materiale online sarà svolta dall’Oiv, organismo di valutazione e la Civit che sta lavorando alla realizzazione di un portale per lo scambio di informazioni.

In caso di mancata comunicazione dei dati  il decreto legislativo prevede a carico dei responsabili dell’omissione sanzioni pecuniarie accompagnate dal taglio di risorse da assegnare a quel determinatore settore.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico