Questo articolo è stato letto 0 volte

Piano Città, 318 milioni di euro per 28 progetti

piano-citt-318-milioni-di-euro-per-28-progetti.gif

Che fine ha fatto il Piano Città? Dopo mesi di silenzio ora sembra che entro la fine della settimana una graduatoria scremerà le 430 proposte presentate.

La Commissione della gara, nota anche come Cabina di regia (se vuoi sapere come funziona leggi Decreto Crescita, ecco come funziona il Piano Città) si sta per concludere e la graduatoria dei progetti sarà pubblicata con lo schema degli interventi finanziati.

Il bando è stato chiuso il 5 ottobre, data entro la quale i Comuni dovevano presentare i progetti.

Le caratteristiche che i progetti dovevano avere sono:
– dovevano essere coinvolti capitali privati;
– il progetto doveva essere immediatamente cantierabile (requisito dell’immediata cantierabilità);
– dovevavano essere caratterizzati da interventi che risolvessero problematiche legate al disagio abitativo e sociale;
– apportare migliorìe alle infrastrutture;
– caratterizzarsi per interventi per la qualità urbana e “green”.

Il bando quindi non era molto selettivo. Ne consegue che le proposte sono state tantissime e le richieste di finanziamenti di molto superiori ai 224 milioni di euro disponibili.

La disponibilità è poi aumentata di 94 milioni grazie ai fondi europei (Piano Città, per la riqualificazione ecco altri 94 milioni di euro), da utilizzare solo per le città che rientrano nelle zone franche urbane, vale a dire:
– Crotone;
– Rossano Calabro;
– Lamezia Terme;
– Mondragone;
– Napoli;
– Torre Annunziata;
– Andria;
– Lecce;
– Taranto;
– Catania;
– Erice;
– Gela.
In sostanza, quindi, le città vincitrici (in tutto al massimo 30) saranno finanziate per una cifra inferiore rispetto a quanto richiesto.

Un problema ulteriore è quello delle tempistiche: quali tempi si è prefissata la Cabina di regia per arrivare con i Comuni selezionati ai progetti definitivi? E in quanto tempo i cantieri finanziabili saranno attivi?

I cantieri partiranno probabilmente nella seconda metà del 2013.

Fonte: Ediltecnico.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>