Questo articolo è stato letto 0 volte

Piemonte, al via riqualificazione urbana di otto capoluoghi

piemonte-al-via-riqualificazione-urbana-di-otto-capoluoghi.gif

In Piemonte è al via una grande riqualificazione urbana degli otto capoluoghi, per la quale saranno investiti 110 milioni di fondi europei Fesr.

Tutti i progetti sono stati approvati, per ultimo nei giorni scorso quello di Verbania.

Obiettivo, il recupero delle aree degradate per migliorarne competitività e performance ambientali.

“I Progetti Integrati di Sviluppo Urbano – spiega il governatore del Piemonte, Roberto Cota – sono strumenti concepiti per ridisegnare in modo organico e coordinato zone degradate delle nostre città, al fine di trasformarle in luoghi dove vivere e lavorare in un’ottica di futuro sostenibile.

Un anno fa avevamo invitato i sindaci dei Comuni capoluogo a raccogliere le nostre sollecitazioni a presentare progetti di riqualificazione urbana per migliorare le loro città, e oggi stiamo lavorando in questa direzione”.

“A differenza della Giunta regionale precedente, che aveva in tale senso un orientamento molto centralista dal punto di vista delle filosofie progettuali – aggiunge l’assessore all’Industria, Massimo Giordano – avevamo impostato lo strumento in maniera che le amministrazioni comunali potessero essere lasciate libere di impostare la politica di riqualificazione delle loro città in piena autonomia.

Gli interventi presentati riguardano ambiti urbani degradati ben definiti.

Ciò ha permesso di essere concentrati su aree contigue e omogenee, con tempi di cantierabilità e di realizzazione molto contenuti”. Globalmente sono stati assegnati dalla Regione circa 110 milioni di euro, a fronte di progetti per circa 206 milioni. A Torino sono andati 20 milioni, a ciascuno degli altri capoluoghi dodici.

Fonte: Ansa

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico