Questo articolo è stato letto 1 volte

Piemonte: edilizia scolastica

piemonte-edilizia-scolastica.gif

Su 240 richieste di contributo inoltrate nel 2007 dai Comuni piemontesi alla Regione nell’ambito del bando triennale per l’edilizia scolastica ne sono state ammesse 126, inserite in una graduatoria degli interventi ammissibili per provincia e per grado di priorità di intervento.
Il 26 giugno sono stati finanziati i primi 10 interventi in graduatoria, per un ammontare di 1.950.000 euro, che interessano Viguzzolo (AL), San Damiano d’Asti, Strona (BI); Murazzano e Vicoforte (CN), San Maurizio d’Opaglio (NO), Pinerolo e Corio (TO), Casale Corte Cerro (VCO) e Serravalle Sesia (VC).
Nelle prossime settimane, la Giunta ha intenzione di impegnare ulteriori fondi del bilancio 2008 in modo da far scorrere ulteriormente la graduatoria e finanziare circa 70 domande.
I progetti finanziati riguardanno interventi di ristrutturazione, restauro, risanamento conservativo, manutenzione straordinaria con particolare riguardo all’adeguamento alle vigenti norme in materia di agibilità, sicurezza, igiene, superamento delle barriere architettoniche, adeguamento antisismico degli edifici e rendimento energetico. E ancora l’ampliamento all’esterno della struttura esistente, completamento funzionale di opere già iniziate, nuove costruzioni di parti di sedi scolastiche in grado di ospitare palestre e mense di intere sedi e succursali al fine di assicurare un adeguato standard qualitativo del servizio scolastico. La realizzazione dei progetti dovrà consentire il rilascio del certificato di agibilità e garantire il rispetto della normativa vigente in materia di superamento delle barriere architettoniche, antisismica, rendimento energetico.

Entro il 10 luglio possono ancora essere presentate le domande per l’annualità 2008 dello stesso bando.

"Si tratta della prima concretizzazione del piano triennale per l’edilizia scolastica – sottolinea l’assessore all’Istruzione, Gianna Pentenero – Per assicurare la necessaria funzionalità della scuola dell’autonomia e il raggiungimento degli obiettivi non si può prescindere dalla disponibilità di strutture idonee, adeguate e sicure. L’edilizia scolastica è un settore che, oltre a capacità tecniche e di programmazione, richiede una particolare attitudine al confronto con chi vive quotidianamente nella scuola, dirigenti scolastici, insegnanti, studenti, famiglie, ed è in questo che intendiamo continuare ad investire tempo e risorse".

Fonte: www.regione.piemonte.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico