Questo articolo è stato letto 21 volte

Protocollo per mutui agevolati su progetti Art Bonus

Protocollo per mutui agevolati su progetti Art Bonus

ANCI e Istituto per il Credito Sportivo, in collaborazione con Ales (Arte Lavoro e Servizi S.p.A.) società del MIBACT che ha il compito istituzionale di gestire e promuovere l’Art Bonus, hanno sottoscritto la scorsa settimana un nuovo Protocollo d’intesa concernente i mutui agevolati sui progetti Art Bonus: dopo i finanziamenti a tasso zero o agevolato per l’impiantistica sportiva, arriva infatti ora l’accordo che prevede la concessione di mutui fortemente agevolati per il completamento di interventi attivati mediante l’Art Bonus inserito nell’ordinamento attraverso il Decreto Cultura(decreto legge 31 maggio 2014, n. 83).

I requisiti di ammissione al contributo

I progetti per i quali è possibile richiedere l’ammissione a contributo devono essere relativi a interventi su beni culturali pubblici di proprietà comunale, già destinatari di donazioni private attraverso il cosiddetto Art Bonus.
Nell’ambito del Protocollo è stabilito per i Comuni un plafond di 10 milioni di euro di mutui a condizioni vantaggiose, ove il 50% dell’importo massimo complessivo stanziato è riservato all’utilizzo da parte dei piccoli comuni. Ciascun intervento potrà essere ammesso a fruire delle somme stanziate per un importo massimo di 500mila euro, su un solo intervento, sulla base di progetti definitivi regolarmente approvati e provvisti delle necessarie autorizzazioni, e a condizione di aver ottenuto donazioni private con l’Art Bonus per un importo almeno pari al 60% del costo complessivo dell’intervento. Per finanziamenti di importo superiore, l’ICS si rende disponibile al finanziamento dell’ulteriore quota, senza limite d’importo, ad un tasso d’interesse che sarà determinato definitivamente dall’ICS in sede di stipulazione del mutuo.

Uno strumento per portare a compimento i progetti

“Si tratta di un importantissimo accordo a favore della cultura e del patrimonio artistico nazionale – sottolinea il vicepresidente ANCI, Roberto Pella, “che, tenendo conto del forte impulso dato dall’iniziativa governativa Art Bonus, intende mettere a disposizione dei Comuni, ove sia stata avviata una raccolta di erogazioni liberali in favore dei beni e delle attività culturali, uno strumento per portare a compimento i progetti anche nel caso in cui le donazioni dei cittadini non abbiano raggiunto la cifra necessaria.”

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico