Questo articolo è stato letto 0 volte

Riqualificazione energetica, la roadmap per gli enti locali

riqualificazione-energetica-la-roadmap-per-gli-enti-locali.jpg

-Raggiungere il risultato “consumi quasi zero” nell’edilizia pubblica partendo da Regioni, Province e Comuni.

Questo lo scopo della roadmap disegnata durante il convegno “La riqualificazione energetica degli edifici come nuova opportunità di sviluppo” tenutosi stamane a Roma e promosso dal Tavolo EPBD2 (un network di stakeholder ed esperti affiancati alla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile), insieme ad ENEA e Federcasa e con la partecipazione di Enti, Associazioni e imprese del settore.

Un patrimonio edilizio, quello pubblico italiano, del valore di circa 400 milioni di euro che deve abbassare i consumi energetici arrivando a sfiorare lo zero.

Regioni, Province e Comuni potrebbero diventare i protagonisti di una rivoluzione per l’efficienza energetica in edilizia sviluppando progetti ad hoc e ottenendo importanti risultati in termini di riduzione degli importi in bolletta e di emissioni inquinanti rilasciate.

Per dar vita al progetto serviranno però tutta una serie di requisiti imprescindibili tra cui il disporre di risorse adeguate che permettano di allineare i sistemi energetici a standard più efficienti.

Il progetto nasce anche dall’appoggio della Commissione europea tradottosi nella Direttiva sul rendimento energetico degli edifici (EPBD2), con il Piano europeo di Efficienza energetica e con una nuova Direttiva in cantiere, chiedendo così che i Paesi membri si impegnino rapidamente a portare i propri edifici verso l’obiettivo “consumi quasi zero”.

Tale progetto in Italia può raggiungere importanti dimensioni visto che il solo valore economico del patrimonio edilizio dei Comuni equivale a circa 227 miliardi di euro, quello delle Province a 29 miliardi e quello delle ASL a 25 miliardi, un bacino che nel complesso offre un elevato potenziale di risparmio energetico oltre a numerosi nuovi posti di lavoro.

Ma le risorse economiche scarseggiano, e nonostante la buona volontà delle amministrazioni spesso si incontrano difficoltà, non riuscendo così a portare a termine i progetti di riqualificazione necessari.

Spesso poi le soluzioni sono diverse a seconda delle realtà e possono essere molteplici, tra cui i Contratti di servizio energia con il Servizio Energia Plus, il Project Financing, il “Leasing in costruendo”, i Contratti di garanzia, ma anche gli “standard tecnico- contrattuali- organizzativi -ottimizzati di intervento” (proponibili, in  particolare, come esempi a  livello di coordinamento e supporto  provinciale).

Fonte: Rinnovabili.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>