Questo articolo è stato letto 0 volte

Riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile

riqualificazione-urbana-per-alloggi-a-canone-sostenibile.gif

E` in attesa della registrazione presso la Corte dei Conti il decreto del Ministro delle infrastrutture che prevede il finanziamento di un nuovo programma di riqualificazione urbana destinato ad incrementare la disponibilita` di alloggi in locazione a canone sostenibile e a migliorare la dotazione infrastrutturale dei quartieri caratterizzati da forte disagio abitativo.

Il decreto, firmato lo scorso 26 marzo 2008, utilizza i fondi in precedenza assegnati al completamento del programma di edilizia residenziale denominato “Contratti di Quartiere II“ e revocati a seguito dell`annullamento da parte del TAR Lazio del Bando contenuto nel DM 8/3/2006.

In particolare, il decreto provvede alla ripartizione percentuale tra le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano di un finanziamento pari ad Euro 280.309.500,00, mentre il restante 10% delle risorse disponibili – pari ad Euro 31.145.500,00 – e` stato accantonato e verra` assegnato come premio aggiuntivo, secondo modalita` che saranno indicate con successivo decreto.

Ad incrementare la dotazione finanziaria concorrera` obbligatoriamente anche l`impiego di risorse regionali e comunali. Il decreto, infatti, prevede:

– un confinaziamento regionale in misura pari al 30% delle risorse statali attribuite a ciascuna Regione, la cui disponibilita` dovra` essere comunicata al Ministero delle infrastrutture entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto;

– un cofinanziamento comunale in misura pari al 14% del finanziamento complessivo Stato-Regione in relazione a ciascuna proposta di intervento.

Le Regioni, entro 60 giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto, dovranno predisporre appositi bandi di gara, mediante i quali verranno fissate le modalita` di partecipazione dei Comuni e le forme di monitoraggio dell`utilizzo dei finanziamenti, nonche` l`entita` dei contributi.

Spettera`, invece, alle amministrazioni comunali la predisposizione dei relativi programmi di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile, con le seguenti caratteristiche:

– conformita` agli strumenti urbanistici vigenti o adottati, nonche` inserimento nell`ambito di un piano attuativo;

– ciascuna proposta di intervento puo` essere oggetto di cofinanziamento Stato/Regione fino ad un massimo di Euro 10 milioni;

– il costo complessivo di ciascun programma non potra` essere inferiore a Euro 5 milioni nei comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti (ovvero Euro 1,5 milioni nei comuni con popolazione fino a 15.000 abitanti);

– gli alloggi da realizzare o da recuperare devono raggiungere un rendimento energetico superiore al 30% di quello previsto dalla normativa vigente.

Gli interventi potranno essere attuati sia da operatori pubblici (Comuni, ATER), che da operatori privati; in tale ultimo caso, peraltro, gli alloggi recuperati o realizzati sono qualificati come residenze di interesse generale di cui all`art. 2, comma 285, della Legge 244/2007 (legge finanziaria 2008) e devono essere vincolati alla locazione a canone sostenibile per almeno 25 anni.

Decreto del Ministro delle infrastrutture

Schema sinottico dei principali contenuti

 

Fonte: www.ance.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico