Questo articolo è stato letto 17 volte

Sisma Centro Italia: verso la conversione del Decreto Terremoto (8/2017)

Permesso di costruire

Potenziare gli sgravi fiscali, a partire dalla creazione di zone franche urbane. Questo il centro focale degli obiettivi con il quale la commissione Ambiente della Camera ha avviato (relatrice Chiara Braga), l’esame della legge di conversione del Decreto Terremoto (decreto legge 9 febbraio 2017, n. 8). I tempi per la presentazione degli emendamenti al testo sono ancora piuttosto lunghi: alla luce del calendario, la discussione di merito decolli per l’inizio di marzo. Eppure, nelle parole del presidente della commissione Ermete Realacci si fanno già spazio ipotesi di integrazione del provvedimento. Bisogna partire dalle Zfu e dal sostegno alla ricostruzione dei beni culturali delle aree colpite dello sciame sismico.

L’esame della legge di conversione del provvedimento (decreto legge n. 8/2017) è cominciato giovedì scorso, con tempi molto stretti rispetto alla pubblicazione, avvenuta solo una settimana prima. E la commissione, secondo quanto ha spiegato il presidente della commissione Ambiente, Ermete Realacci, ha intenzione di tenere un calendario piuttosto serrato. Nella seduta di mercoledì 22 febbraio si terranno le audizioni dei presidenti delle quattro regioni coinvolte, oltre a quelle dei rappresentanti dell’ANCI e dell’UPI.

Ma nella prima discussione si è cominciato a parlare anche di possibili modifiche in arrivo. Secondo Realacci, in particolare, ci sono “margini per il rafforzamento di alcune misure, a partire da quelle relative alle zone franche”: nella versione finale del provvedimento, infatti, nonostante gli annunci della vigilia, era completamente mancata la parte relativa agli sgravi fiscali più pesanti. Non sono, cioè, state inserite né le zone franche urbane né le “no tax area” per le aree colpite dal terremoto. Adesso, l’intenzione della commissione è di lavorare per ripristinare quelle misura.

Secondo Ermete Realacci è necessario inoltre “promuovere la ricostruzione dei beni culturali, che hanno riportato danni gravi ed estesi, a tal fine proponendo di dedicare allo scopo per dieci anni le entrate dell’8 per mille destinato allo Stato”. È necessario, insomma, che “alle aree colpite dal terremoto pervenga il segnale di un impegno dello Stato per il loro futuro, anche attraverso l’investimento di risorse”. Quindi, il secondo fronte di azione della commissione sarà dedicato al tema dei beni culturali da recuperare. «Si tratterebbe – conclude il presidente della commissione – di circa 150-200 milioni annui che garantirebbero un flusso di finanziamenti certo e costante nel tempo. Una misura sulla quale si è dichiarato favorevole anche il ministro dei beni culturali Dario Franceschini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>