Questo articolo è stato letto 0 volte

Toscana: nuovo testo unico dell’edilizia sociale

toscana-nuovo-testo-unico-delledilizia-sociale.gif

E’ stata approvata dalla giunta regionale la proposta di legge intitolata “norme sull’edilizia residenziale sociale” .
La proposta, che è stata illustrata in una conferenza stampa dall’assessore Eugenio Baronti, attraverserà ora la fase della “concertazione” e poi andrà all’approvazione definitiva in Consiglio regionale.

Intanto però, l’assessore Baronti ha annunciato che per fronteggiare l’emergenza abitativa, partirà al più presto un “intervento straordinario” per la casa con una dotazione di 130 milioni di euro.

Una volta che la legge sarà approvata partirà il “piano regionale casa” che sarà finanziato dal fondo unico regionale istituito dall’art. 30 della legge stessa.

Ma vediamo le novità dell’articolato di 80 articoli che rappresenteranno il nuovo “testo unico” sull’edilizia sociale in Toscana.

Fulcro della nuova legge è l’”alloggio sociale” come definito da un decreto ministeriale del 2008, che gli assegna “funzione di interesse generale” a salvaguardia della “coesione sociale” e di “riduzione del disagio abitativo” per individui e famiglie “che non sono in grado di accedere alla locazione di alloggi nel libero mercato”.

L’obiettivo dichiarato della nuova legge, che l’assessore Baronti ha ribadito, è quello di “rispondere alle nuove esigenze sociali ed economiche della Toscana” e al contempo “garantire la qualificazione delle politiche abitative in una visione integrata con le politiche sociali e la riqualificazione urbana”.

La legge istituisce un “fondo regionale casa” per il finanziamento dell’ERS (edilizia residenziale sociale) in cui confluiranno tutte le risorse disponibili, sia quelle nazionali sia quelle non spese e recuperate dalla “ricognizione” a tappeto voluta dall’assessore, che ad oggi hanno portato ad una cifra quantificabile in 350 milioni di euro.

Ed ecco le principali novità rispetto all’ultima legge regionale della Toscana, la n.77 1998. «Confermiamo l’impianto di base di quella legge – spiega Baronti – che affida ai Comuni le competenze sull’ERS, ma si aggiungono alcune significative innovazioni volte a dare maggiore efficienza ed efficacia al sistema. Insomma: migliore capacità di impiegare le risorse, più case a disposizione.»

Significativa la riduzione dei soggetti gestori per consentire risparmi di spesa, snellezza e efficienza del sistema. Si va dagli attuali 11 gestori a 3, fondati su livelli associativi di area vasta (Toscana centro; Toscana Costa; Toscana Sud).

Per garantire “livelli territoriali più congrui” e per “favorire la domanda e l’offerta degli alloggi” sono previste inoltre 36zone” che saranno delle “forme associative fra comuni”, senza costi e personale.

Le tre aree vaste invece avranno “funzioni relative alla costruzione, recupero, manutenzione e gestione amministrativa del patrimonio” e quelle relative “all’attribuzione, controllo e revoca dei benefici”.
«Sono – spiega l’assessore Baronti – i tre punti di riferimento programmatico sovraprovinciale su cui operare le sfide di buon governo più impegnative della Regione.» […]

Qualità dell’abitare, rispetto dell’ambiente, ecoefficenza energetica, energie alternative: queste le novità più qualificanti della nuova legge. «Il testo approvato – sottolinea ancora Baronti – prevede l’utilizzo delle migliori tecniche costruttive, ecologiche, innovative e sperimentali, che saranno poi dettagliate da requisiti tecnico costruttivi specifici da introdurre con regolamento non appena entrata in vigore la legge.»

"Infine la legge prevede la possibilità di “individuare casi specifici di alienazione” degli immobili “garantendo il riutilizzo degli introiti ai fini ERS” e mantenendo la consistenza del patrimonio pubblico.

«Insieme a questo contiamo di rimediare alle incongruenze e alle sperequazioni prodotte dal vecchio sistema per recuperare maggiore efficacia ed equità.

Infine contiamo che la nuova legge possa servire di impulso per buone pratiche e progetti pilota per il recupero energetico e l’ecoefficienza e per modelli sperimentali e innovativi per promuovere una nuova cultura dell’abitare in grado di dare risposte ad esigenze e bisogni nuovi, per migliorare e favorire le relazioni umane, la solidarietà, lo scambio gratuito e mutualistico di servizi.»

Fonte: www.regione.toscana.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico