Autorità vigilanza sui contratti pubblici: richiamo alle SOA

Con il comunicato pubblicato sulla G.U. n. 128 del 3 giugno 2008, l’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, rende noto alle SOA il nuovo valore comunicato dall’ISTAT del coefficiente di rivalutazione R della formula contenuta nell’allegato E del DPR n. 34/2000. Tale valore per l’anno 2008  è pari a 1.1295.

L’Autorità richiama inoltre le SOA sull’obbligo di eseguire tutte le prescritte verifiche dei requisiti richiesti, prima  di  rilasciare l’attestazione, controllando  la veridicità  e  la  sostanza  di  tutta  la  documentazione  prodotta dall’impresa richiedente, al  fine di  evitare qualificazioni basate su presupposti erronei e falsi.
Afferma di aver constatato il  persistere, da  parte delle SOA, di comportamenti non   conformi alla disciplina sulla qualificazione, in quanto queste rilasciano attestazioni senza effettuare un controllo generalizzato di tutti i requisiti dell’impresa richiedente, come invece è previsto anche dall’articolo 40, comma 3, del d. lgs. n. 163/2006: "[…] Prima del rilascio delle attestazioni, le SOA verificano tutti i requisiti dell’impresa richiedente. Agli organismi di attestazione è demandato il compito di attestare l’esistenza nei soggetti qualificati della  certificazione del sistema di qualità […] dei requisiti di ordine generale nonchè tecnico-organizzativi ed economico-finanziari conformi alle disposizioni comunitarie in materia di qualificazione. Tra i requisiti tecnico – organizzativi rientrano i certificati rilasciati alle imprese esecutrici dei lavori pubblici da parte delle stazioni appaltanti […]" 

La norma ha codificato quanto già rappresentato da lei stessa nella  regolamentazione  secondaria e dal Giudice Amministrativo nei diversi pronunciamenti, e in particolare:
– relativamente all’obbligo  generalizzato  del  controllo  su  tutti  i  requisiti, questo non può essere più effettuato soltanto a campione o "in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi";
– relativamente al momento del controllo, questo deve avvenire  prima del rilascio  della attestazione.

Fonte: www.ance.it

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.