Edilizia sostenibile in Umbria: la Giunta regionale approva il ddl

Inviata al Consiglio regionale per l’approvazione definitiva, la normativa si compone di 23 articoli suddivisi in quattro Titoli e promuove nuovi criteri progettuali orientati all’edilizia ecologica, allo sviluppo sostenibile ed alla tutela della salute umana, capaci di conciliare la salvaguardia delle risorse naturali e il comfort abitativo. La procedura di certificazione ambientale, obbligatoria per gli interventi pubblici e su richiesta per i privati, rappresenta lo strumento per valutare il grado di sostenibilità di un intervento edilizio.

Il livello di sostenibilità ambientale del fabbricato sarà valutato tramite un procedimento di valutazione a schede, che terrà conto della certificazione energetica obbligatoria (si veda: D.Lgs. 192/2005), per quantificare le prestazioni dell’edificio rispetto a diversi parametri, tra cui la qualità dell’ambiente interno ed esterno e il risparmio delle risorse naturali. Il certificato ambientale, conseguibile anche per interventi su edifici esistenti, verrà esposto sul fabbricato e ne accompagnerà i passaggi di proprietà. Sarà quindi un indicatore qualificante nel mercato immobiliare.

A supporto della certificazione, da parte di Regione ed Enti locali, sono previste azioni di sostegno ed incentivazione attraverso agevolazioni fiscali e finanziarie. Per incentivare la certrificazione sono previste corsie preferenziali per l’accesso ai finanziamenti di programmi edilizi ed urbanistici. 

fonte: www.agi.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.