Questo articolo è stato letto 76 volte

In primo piano

Il questionario sulla gestione del patrimonio pubblico

Affinché il patrimonio pubblico sia conservato in misura adeguata nonché propriamente valorizzato, specie per quanto attiene ai beni storici o aventi particolare significato culturale, è necessario realizzare una rete capillare di centri di competenza presente in ogni Regione. A tal fine ANTEL, CNTAPPs, SCUOLA DI FUNDRAISING DI ROMA E MACHM DELL’UNIVERSITÀ LUM, nell’ottica di “evidenziare, aggregare, informare e formare le competenze tecniche pubbliche in materia di conservazione e gestione” del patrimonio pubblico, hanno realizzato un breve questionario funzionale alla programmazione di futuri interventi e investimenti nel settore.

Tra i tanti argomenti affrontati nel corso dell’indagine, è richiesto il livello di conoscenza degli uffici in merito alla raccolta di fondi da soggetti privati, in particolare per quanto concerne interventi di recupero e valorizzazione degli edifici storici o nel settore culturale; la capacità degli enti nell’accedere a fondi privati, come bandi di fondazioni filantropiche nazionali e internazionali per gli interventi sul patrimonio culturale. Il questionario approfondisce inoltre il tema dell’Art Bonus e la sua diffusione, le forme speciali di partenariato pubblico-privato nei beni culturali e la diffusione di nuove tecnologie per la gestione delle informazioni, il monitoraggio, l’uso e la manutenzione del patrimonio storico-culturale.

>> CLICCA QUI PER ACCEDERE AL QUESTIONARIO.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *