Questo articolo è stato letto 112 volte

Il questionario sulla gestione del patrimonio pubblico

Affinché il patrimonio pubblico sia conservato in misura adeguata nonché propriamente valorizzato, specie per quanto attiene ai beni storici o aventi particolare significato culturale, è necessario realizzare una rete capillare di centri di competenza presente in ogni Regione. A tal fine ANTEL, CNTAPPs, SCUOLA DI FUNDRAISING DI ROMA E MACHM DELL’UNIVERSITÀ LUM, nell’ottica di “evidenziare, aggregare, informare e formare le competenze tecniche pubbliche in materia di conservazione e gestione” del patrimonio pubblico, hanno realizzato un breve questionario funzionale alla programmazione di futuri interventi e investimenti nel settore.

Tra i tanti argomenti affrontati nel corso dell’indagine, è richiesto il livello di conoscenza degli uffici in merito alla raccolta di fondi da soggetti privati, in particolare per quanto concerne interventi di recupero e valorizzazione degli edifici storici o nel settore culturale; la capacità degli enti nell’accedere a fondi privati, come bandi di fondazioni filantropiche nazionali e internazionali per gli interventi sul patrimonio culturale. Il questionario approfondisce inoltre il tema dell’Art Bonus e la sua diffusione, le forme speciali di partenariato pubblico-privato nei beni culturali e la diffusione di nuove tecnologie per la gestione delle informazioni, il monitoraggio, l’uso e la manutenzione del patrimonio storico-culturale.

>> CLICCA QUI PER ACCEDERE AL QUESTIONARIO.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *