Rinfrescarsi responsabilmente: guida alla scelta del condizionatore giusto

Con le temperature in netto aumento, sono moltissimi gli italiani che in questo periodo sono alla disperata ricerca di un climatizzatore perché il caldo in casa si fa sentire e sta diventando insopportabile. Nel contempo tuttavia, le famiglie si vedono costrette a prestare una sempre maggiore attenzione ai consumi energetici, per vari motivi. Da un lato per una questione legata alla sostenibilità ambientale, dall’altro per l’impennata dei costi in bolletta. Acquistare un climatizzatore è dunque fondamentale per evitare di vivere in un ambiente malsano, ma è altrettanto importante scegliere un modello ad alta efficienza, in modo da ridurre al minimo il dispendio energetico.

Vediamo allora alcuni consigli utili per chi vuole acquistare un nuovo climatizzatore.

# Climatizzatori di ultima generazione per una maggiore efficienza energetica

Innanzitutto, è bene sapere che i climatizzatori di ultima generazione sono quelli dotati di tecnologia inverter e conviene senza dubbio scegliere questi modelli in quanto consentono di ottimizzare i consumi energetici. La potenza erogata infatti può essere modulata a seconda della temperatura dell’ambiente e si tratta di un dettaglio che fa una grandissima differenza, anche in bolletta. Coloro che volessero sostituire il vecchio apparecchio con un modello di ultima generazione possono oggi approfittare della campagna ClimaNoStress di Plenitude che prevede delle interessanti offerte climatizzatori con cessione del credito. Scegliendo uno dei modelli proposti, in sostanza, è possibile beneficiare subito delle detrazioni fiscali versando solo il 35% o il 50% dell’importo ma non solo. Plenitude include anche nell’offerta sopralluogo ed installazione dell’apparecchio.

# La potenza del climatizzatore

Per scegliere il climatizzatore giusto per le proprie esigenze è anche importante capire quale sia la potenza di cui effettivamente si necessita e questa dipende dalle dimensioni della propria abitazione. Come infatti si può facilmente intuire, più una casa è grande e maggiore dovrà essere la potenza dell’apparecchio per riuscire a raffrescare l’ambiente in modo efficiente. Fortunatamente, per capire come orientarsi in tal senso è sufficiente effettuare un semplice calcolo matematico, ossia moltiplicare il numero di metri quadrati della stanza da climatizzare per 340, che è il coefficiente fisso corrispondente al numero di Watt necessari per rinfrescare un metro quadrato. Così facendo, si riesce a risalire alla potenza necessaria e dunque scegliere il modello di climatizzatore più adatto alle proprie esigenze.

# La tipologia del climatizzatore

In commercio esistono differenti tipologie di climatizzatore: quello classico fisso con motore esterno, quello portatile e quello privo di unità esterna. Come scegliere il modello giusto? In tal caso non esiste una regola generale, anche se va precisato che i condizionatori fissi sono quelli che riescono ad offrire un rapporto prestazioni-consumi migliore e dunque sarebbero da preferire. Esistono tuttavia contesti in cui è necessario optare per altre soluzioni: è il caso, ad esempio, di chi vive in palazzi storici e non ha la possibilità di installare un’unità esterna. Coloro che abitano in appartamenti in affitto e non possono effettuare interventi sull’edificio, inoltre, potrebbero essere costretti ad optare per un condizionatore portatile che per i piccoli spazi può comunque andare bene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *