Terre e rocce da scavo: entro il 12 maggio adeguamento dei progetti di riutilizzo

I titolari dei progetti per il riutilizzo di terre e rocce da scavo come non rifiuto (autorizzati in base all`art. 186 del D.Lgs. 152/2006 nel testo non ancora modificato e avviati prima del 13 febbraio 2008 – data di entrata in vigore del D.Lgs. 4/2008) devono presentare entro il 12 maggio 2008 la comunicazione con la quale attestano il rispetto dei requisiti prescritti dal nuovo art. 186 del Codice dell`ambiente, cosi` come modificato dal D.Lgs. 4/2008.

La comunicazione dovrà essere presentata, a seconda della natura delle opere dalla quale i materiali hanno origine e cioè:

alla Commissione VIA se si tratta di opere soggette a VIA;

al Comune in caso di opere private soggette a DIA o Permesso di costruire.

Per quanto riguarda le opere pubbliche non soggette a VIA, la norma non indica  l’autorità; questa dovrebbe essere la stazione appaltante, per analogia con quanto disposto in via ordinaria.

Ricevuta la comunicazione, l’autorità potrà disporre delle prescrizioni entro i successivi 60 giorni.

Nel periodo intercorrente tra la presentazione della comunicazione e l`emanazione delle eventuali prescrizioni l’utilizzo dei materiali potrà essere effettuato secondo le indicazioni del progetto approvato ai sensi della normativa previgente.

fonte: www.ance.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.