Questo articolo è stato letto 0 volte

Emergenza casa, una tassa di scopo di 10 euro sugli alloggi sfitti

emergenza-casa-una-tassa-di-scopo-di-10-euro-sugli-alloggi-sfitti.jpg

La proposta dell’assessore Allocca per alleviare l’emergenza abitativa passa attraverso una tassa di scopo di 10 euro il mese.

“Considerato che in Toscana risultano 425 mila alloggi sfitti, il ricavato, oltre 4 milioni di euro al mese, potrebbe essere impiegato per vari tipi di interventi a difesa di uno dei pilastri delle politiche di welfare”.

L’assessore Allocca lancia la provocazione (“perchè tale rimane, dato che come Regione non abbiamo il potere di introdurre questo tributo. Può farlo soltanto lo Stato”) durante la conferenza stampa che ha fatto seguito alla firma del protocollo d’intesa che Regione, Comune di Prato ed Edilizia Pubblica Pratese (EPP), hanno firmato oggi a Palazzo Strozzi Sacrati per aumentare il patrimonio Erp nell’area pratese.

Un protocollo che prevede interventi per circa 15 milioni di euro, in totale 93 nuovi alloggi da ricavare attraverso l’utilizzazione di aree già esistenti ma inutilizzate, con tecniche di progettazione eco sostenibili. Alla firma erano presenti l’assessore Allocca, quello alle politiche sociali del Comune di Prato Dante Mondanelli e il presidente di EPP Federico Mazzoni.

Il protocollo fa parte degli interventi destinati al recupero e all’incremento del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, previsti su tutto il territorio regionale e per i quali la Regione ha messo a disposizione 90 milioni di euro.

“In Toscana – ha spiegato l’assessore Allocca – l’emergenza alloggi è drammatica: nel 2010 ci sono quasi 22 mila domande per case popolari in lista d’attesa e 2650 sfratti eseguiti. A livello nazionale una politica di edilizia popolare è pressochè inesistente. Abbiamo creato un fondo per gli sfratti, da 4 milioni l’anno, e lanciato il piano da 90 milioni. La mia proposta-provocazione sulla tassa di scopo permetterebbe quanto meno di risolvere il problema degli sfratti”.

“Questo con il Comune di Prato – ha aggiunto Allocca – è un nuovo importante protocollo stilato in collaborazione con i territori che prevede lo stanziamento di circa 15 milioni di euro che saranno utilizzati per realizzare alloggi da dare in affitto a canone sociale in aree di proprietà del Comune e di Edilizia Pubblica Pratese. Prato, rispetto al resto della regione, soffre di una carenza cronica di alloggi popolari e questo rende ancora più complicato rispondere efficacemente alle tante richieste di cittadini in difficoltà”.

«Finalmente un atto concreto che contribuirà a colmare il grave gap di edilizia sociale trovato nel nostro territorio – aggiunge l’assessore Mondanelli – E’ solo l’inizio di un percorso di recupero, ma anche per i tempi in cui sarà realizzato è il segnale che quando le istituzioni si mettono insieme al servizio dei cittadini le risposte ai problemi arrivano».

Secondo l’accordo, entro un mese dalla sottoscrizione, verrà costituito un gruppo tecnico con alcuni rappresentanti dei firmatari che avrà il compito di predisporre una specifica proposta di intervento dove saranno indicati il numero di alloggi e i tempi di realizzazione.

Fonte: Toscana Notizie

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>