Questo articolo è stato letto 0 volte

Energia in Puglia

energia-in-puglia.gif

Il Comitato Regionale VIA ha espresso il 3 dicembre scorso parere negativo sul progetto di un rigassificatore nell’area di Capobianco a Brindisi, così come presentato dalla Società Brindisi Lng.
Tale parere conclude l’istruttoria aperta con le audizioni di tutte le parte interessate e proseguita con una Conferenza dei Servizi.

Il parere non favorevole verrà ora presentato alla Giunta Regionale per un eventuale recepimento con delibera e successivamente esplicitato al Ministero dell’Ambiente dove è in corso la procedura di VIA nazionale e a cui spetta rilasciare la VIA.

Alcuni dei motivi del parere insistono nel fatto che l’impianto avrebbe dovuto sorgere in un Sito di Interesse Nazionale (SIN) oggetto di lunghe e complesse procedure di bonifica, con uno Studio di impatto Ambientale (SIA) che, a giudizio del Comitato, contiene una valutazione poco approfondita dei dragaggi e che non affronta sufficientemente la interferenza con la falda e le conseguenze dell’attività del rigassificatore sulla temperatura delle acque del porto.

Inoltre lo Studio di impatto ambientale non specifica la fonte di provenienza degli inerti necessari in grande quantità e non spiega come sarà possibile collegare l’impianto al metanodotto Massafra-Biccari visto che il progetto di bretella della SNAM è stato da alcuni anni respinto dalla Regione.

L’Assessore Regionale ha espresso “grande apprezzamento per la professionalità e la competenza del Comitato VIA che anche in questa complessa vicenda ancora una volta ha mostrato di disporre della perizia tecnica e del senso di equilibrio necessari”.

Fonte: www.regione.puglia.it

 

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico