Questo articolo è stato letto 0 volte

Expo Milano 2015: dalla Francia 20 milioni di euro per partecipare

expo-milano-2015-dalla-francia-20-milioni-di-euro-per-partecipare.jpg

Per il Milano Expo 2015 giungono segnali positivi sia dalle istituzioni che dai paesi stranieri.

Il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni è infatti uscito con grande ottimismo venerdì scorso dall’incontro tenutosi nella sede milanese della società Expo con il Presidente del Consiglio Enrico Letta, i vertici della società Expo 2015 e i rappresentanti delle Istituzioni locali: “Quello con Enrico Letta è stato un incontro utile – ha affermato Maroni -, da parte del Presidente del Consiglio ho percepito l’impegno forte del Governo, per far sì che Expo 2015 sia un successo ed è quello che vogliamo anche noi”.

Nel corso dell’incontro sono infatti state approfondite diverse questioni ancora in sospeso a proposito del grande evento del 2015: Maroni ha affermato di aver chiesto al Presidente Letta “l’intervento del Governo su alcune criticità infrastrutturali, dove ci sono dei problemi da risolvere, problemi che stiamo già affrontando e su cui c’è l’impegno del Ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi, come, per esempio, sulla Rho-Monza e sulla Arcisate-Stabio”.

E intanto da Parigi giunge la notizia che la Francia investirà 20 milioni di euro per partecipare all’Expo 2015. Lo ha affermato il Ministro francese delegato all’Agroalimentare Guillaume Garot: “Si tratta, in questo momento, di un impegno importante – ha spiegato il Ministro – perché il governo ha dei vincoli di bilancio. Siamo convinti che partecipare significa anche far passare i propri valori attraverso i beni alimentari, che non devono essere considerati prodotti di mercato come gli altri ma veri prodotti culturali'”.

Il padiglione francese, uno dei più grandi presenti all’esposizione, sorgerà su uno spazio espositivo grande oltre 3500 metri quadri e si porrà quale spazio vivo ed animato: si presenterà infatti come una costruzione dall’ossatura in legno, smontabile e riutilizzabile in stile “Baltard”, dal nome dell’architetto che nella seconda metà dell’Ottocento ha progettato le celebri Halles di Parigi, e promuoverà l’utilizzo intelligente e sostenibile dell’energia, ponendo l’attenzione sul riciclo dei rifiuti e sulla gestione delle acque reflue.

Secondo un sondaggio, per la manifestazione milanese sarebbe previsto l’arrivo di circa 1 milione di visitatori provenienti dalla Francia. Ed inoltre, nelle parole di Stefano Gatti, Direttore affari internazionali di Expo 2015, entro la fine di quest’anno saranno consegnate le aree dove saranno edificati i padiglioni e a febbraio 2014 cominceranno le costruzioni con l’impiego di altri 1500 operai che andranno ad aggiungersi agli 800 già al lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>