Questo articolo è stato letto 0 volte

Marche: un innovativo Piano di edilizia residenziale pubblica

marche-un-innovativo-piano-di-edilizia-residenziale-pubblica.gif

Come avevamo anticipato, Gianluca Carrabs, assessore regionale ai Lavori pubblici delle Marche ha presentato a Urbino il Piano regionale di edilizia residenziale pubblica che, nel triennio 2006-2008, destina alla provincia di Pesaro e Urbino circa 25,8 milioni di euro. E’ un “piano casa” innovativo che abbatte alcuni stereotipi e promuove sempre più le funzioni degli enti locali e dei beneficiari: le giovani coppie, gli anziani autosufficienti e gli immigrati riceveranno i benefici dei fondi regionali. Il piano prevede buoni casa per un importo di 30000 euro a buono per le giovani coppie e l’istituzione di un fondo di garanzia per i mutui accesi da giovani coppie con contratti di lavoro precario o atipicoù; attraverso il fondo, la Regione e la Provincia offrono una sorta di garanzia alle banche per la solvibilità.
Il piano punta all’edilizia di qualità: le abitazioni dovranno essere costruite in base alle tecniche più avanzate di bioedilizia; si è inoltre sviluppato il concetto dell’autocostruzione in base al quale marchigiani e immigrati possono unirsi in consorzio attraverso le cooperative per edificare una casa. Altro aspetto fondamentale è quello dei contributi sugli affitti: un intervento e un aiuto diretto per sgravare le famiglie dal peso della locazione

Nel triennio 2006-2008 i 25,8 milioni saranno così suddivisi: 13,6 milioni saranno destinati all’attuazione del programma provinciale; i rimanenti 12,73 provengono dal reinvestimento dei proventi delle dismissioni del patrimonio abitativo pubblico degli Erap/Comuni. Ulteriori 17,6 milioni di euro, sempre nel triennio 2006-2008, saranno suddivisi su tutto il territorio regionale (dei quali 2,6 milioni verranno utilizzati per un programma di sperimentazione, e 15 milioni serviranno per il fondo di sostegno alla locazione con contributi diretti alle famiglie).

I tempi di attuazione sono i seguenti: entro il prossimo 2 dicembre è prevista l’approvazione dei programmi provinciali; entro il 31 gennaio 2008 i Comuni dovranno emanare i bandi di assegnazione dei contributi regionali; la costruzione degli alloggi dovrà iniziare entro tredici mesi dall’assegnazione dei fondi.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico