Questo articolo è stato letto 0 volte

Qualità dell’architettura, la proposta del Cnappc per il dl Sviluppo

qualit-dellarchitettura-la-proposta-del-cnappc-per-il-dl-sviluppo.gif

“Alcuni degli elementi fondanti della proposta di legge sull’architettura – quelli relativi a concorrenza, innovazione, investimento sul futuro attraverso la valorizzazione dei giovani –  dovrebbero essere inseriti nel prossimo DL Sviluppo: offrono infatti idee e proposte per sostenere, a costo zero, la crescita del nostro Paese”.

Lo ha detto il presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, Leopoldo Freyrie, nel corso della presentazione sulla proposta di legge per la promozione della qualità architettonica sottoscritta dagli onorevoli Realacci, (Pd),  Rampelli (Pdl) e Mantini (Udc) e da altre 138 parlamentari di maggioranza e opposizione.

Una legge per la qualità e i concorsi in architettura – ha detto ancora Freyrie  – è un nostro storico progetto che risponde, innanzitutto, al principio che l’architettura non riguarda solo gli architetti o i costruttori ma, soprattutto, i cittadini. Siamo quindi grati agli Onorevoli Realacci, Rampelli e Mantini per aver presentato alla Camera la proposta di legge per l’architettura – frutto anche di un’iniziativa promossa dal quotidiano Il Sole-24 Ore – che prevede che le amministrazioni siano tenute a scegliere la realizzazione delle opere pubbliche attraverso concorsi di progettazione o di idee”.
 
Sulla centralità del concorso nelle opere pubbliche  ha sottolineato che esso “pur non essendo uno strumento perfetto è tuttavia l’unico sistema di mediazione tra amministratori, cittadini e architetti per scegliere il futuro delle città.

Certo, le Amministrazioni devono snellire le procedure anche in questo settore adottando, ad esempio, le modalità on line che consentono  concorsi agili e veloci. Tornare a bandire i concorsi significa, in ogni caso, ridare centralità alla progettazione nel nostro Paese, rendere trasparente il mercato, ma significa, innanzitutto, aprirlo  ai giovani professionisti”.

“Proprio per fare ciò – ha continuato il presidente degli architetti italiani – e per superare gli sbarramenti legati all’entità del fatturato  abbiamo lanciato la proposta dei “Quaderni della giovane architettura” che, sul modello francese, possano permettere ai giovani di accedere alle gare – dalle quali altrimenti sarebbero esclusi – attribuendo ai loro progetti, anche se non ancora realizzati, un punteggio di merito utile ai fini della partecipazione alle  gare”.

“Il Consiglio Nazionale – ha concluso – auspica che il Governo, e per esso il  Ministro Galan, voglia sostenere questa proposta di legge nella consapevolezza che essa è un importante passo in avanti compiuto proprio nella direzione da tempo indicata dagli architetti italiani”.

 Fonte: Cnappc

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>