Questo articolo è stato letto 0 volte

Ritardo pagamenti p.a., pronto un decreto sulla compensazione

ritardo-pagamenti-p-a-pronto-un-decreto-sulla-compensazione.jpg

Nei prossimi giorni arriverà un decreto sulla certificazione dei crediti che le imprese vantano nei confronti della pubblica amministrazione che dovrebbe poi permettere di compensare i debiti verso la pubblica amministrazione.

Lo ha anticipato il vice-ministro all’Economia Vittorio Grilli in occasione di un seminario della fondazione Magna Carta Nord Est a Trebaseleghe.

“Il processo di certificazione dei crediti ai fini di compensazione di debiti iscritti al ruolo sarà possibile, come già annunciato”, ha spiegato Grilli, precisando che il testo arriverà già questa settimana.

Il viceministro  precisa che il nuovo decreto semplificherà  il processo di certificazione:  “la certificazione si potrà usare sia ai fini dello sconto pro-solvendo alle banche in caso di ritardi di pagamenti, e come documento per effettuare queste compensazioni nel caso si abbiano debiti iscritti al ruolo con la nostra agenzia tributaria”.

Secondo quanto anticipato dal viceministro Grilli il sistema sarà basato su una certificazione unica,  su due moduli elettronici della Consip (società per azioni del Ministero dell’Economia e delle Finanze) , che permetterà da un lato lo sconto presso le banche, dall’altro uno sconto dei crediti da parte delle istituzioni bancarie, e la compensazione con i debiti iscritti a ruolo con il fisco.

Nei prossimi giorni dovrebbe essere in dirittura la piattaforma normativa necessaria perché Abi e imprese firmino un’intesa che consenta alle banche di anticipare circa 20 miliardi di euro dovuti delle Pa attraverso più tranche.

In dirittura d’arrivo ci sono più provvedimenti,  i decreti messi a punto dai tecnici di Grilli sui meccanismidi certificazione dei crediti vantati dalle imprese e di compensazione con il dovuto all’erario, e, a firma del ministro Passera, un altro provvedimento, che riguarda la creazione di un’assicurazione per le imprese in modo che il credito da loro vantato possa essere garantito dal fondo centrale di garanzia per le Pmi.

Fonte: Ansa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>