Questo articolo è stato letto 0 volte

Semplificazioni: per le manutenzioni straordinarie basta la comunicazione

semplificazioni-per-le-manutenzioni-straordinarie-basta-la-comunicazione.jpg

Si tratta di una delle norme più importanti collocate sotto il grande cappello del Decreto Sblocca-Italia in materia di semplificazione: stiamo parlando della misura che prevede l’avvio di tutte le opere e i lavori di manutenzione straordinaria mediante una semplice comunicazione al Comune.

Una importante semplificazione
Una novità che consente di snellire notevolmente l’iter burocratico che avvia tale tipologia di lavori in edilizia: non sarà quindi più necessario presentare DIA o SCIA per inaugurare lavori ed attività di manutenzione per le manutenzioni straordinarie relative alle parti strutturali dell’edificio.

Il grande disegno di semplificazione contenuto nello Sblocca-Italia allarga pertanto le sue spire benefiche anche ai lavori idonei a modificare il carico urbanistico ed a quelli che provocano il frazionamento o l’accorpamento di unità immobiliari (purché non venga modificata la destinazione d’uso).

Per una visione d’insieme delle novità contenute nel Decreto Sblocca-Italia (che dovrebbe vedere la luce entro la fine di questa settimana) leggi l’articolo Clamoroso: il Regolamento unico edilizio salta dallo Sblocca-Italia .

A proposito di Sblocca-Italia
Ricordiamo che il Decreto Sblocca-Italia è stato a grandi linee presentato in Consiglio dei Ministri venerdì scorso: al suo interno sono contenute, tra le altre, misure urgenti per l’apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, lotta contro il dissesto idrogeologico e, appunto, un pacchetto (a dir la verità abbastanza sfoltito) di semplificazioni burocratiche anche nel settore dell’edilizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>