Questo articolo è stato letto 0 volte

TASI 2014: i misteri della “giungla nera” delle detrazioni

tasi-2014-i-misteri-della-giungla-nera-delle-detrazioni.jpg

La settimana critica è arrivata: giovedì prossimo (16 ottobre) scade il termine per pagare l’acconto della TASI 2014, l’imposta che supererà l’importo dell’IMU 2012 per oltre una famiglia su due (in particolare per le case con minor rendita catastale) e che in media arriverà a 148 euro fra acconto e saldo, facendo aumentare la pressione fiscale sulle famiglie in questo difficile 2014.

Il tributo sui servizi indivisibili, facente parte della nuova imposta Unica sulla Casa (IUC) insieme ad IMU e TARI), si configura come vera e propria spina nel fianco per i contribuenti italiani (con notevole mole di polemiche nelle scorse settimane, leggi in proposito l’articolo Babele TASI: meglio abolirla per ritornare all’IMU?).

TASI 2014: il regime delle detrazioni
Ma come si delinea il regime delle detrazioni per tale tributo? La normativa in materia di TASI impone ai Comuni di introdurre detrazioni per quanto riguarda le abitazioni principali, ma soltanto nei casi in cui l’amministrazione comunale di riferimento abbia applicato l’aliquota aggiuntiva dello 0,8 per mille: questo per calmierare l’impatto del tributo che, in termini quantitativi, andrebbe a sforare la barriera del 2,5 per mille (limite previsto a livello legislativo per il 2014).

La previsione di detrazioni rimane invece facoltativa per i Comuni che non hanno azionato l’aliquota aggiuntiva.

Per ulteriori informazioni leggi l’articolo TASI 2014: l’anno prossimo arriveranno i bollettini precompilati.

La giungla degli importi
L’importo delle detrazioni incarna uno dei lati negativi di questa TASI 2014: infatti dalla chiarezza palese dei 200 euro previsti dall’IMU negli scorsi anni, si è passati alla “giungla nera” delle detrazioni TASI che non sono più fisse, ma sono stabilite in maniera discrezionale dall’ente locale (Comune).

Comprendere di che cifra si tratti è la vera impresa di quest’anno, dal momento che orientarsi nella babele delle delibere non è facile: detrazioni fisse, mobili, complicate combinazioni tra reddito del proprietario e rendita catastale dell’immobili. La giungla è folta e spesso anche commercialisti e specialisti dei CAF faticano ad orientarsi nel fitta rete di disposizioni. Per orientarsi nella grande mole di delibere leggi Aliquote TASI 2014: ecco l’elenco completo delle delibere dei Comuni italiani e scarica il documento di AGEFIS con tutte le informazioni in merito.

Per tutte le nuove informazioni in materia di tributi sulla casa aggiornate all’ottobre 2014 acquista il pratico e-book La TASI e la IUC edito da Maggioli Editore: un commento sistematico alla disciplina con particolare attenzione alle principali novità introdotte, tramite il supporto di casi pratici e tabelle sintetiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>