Questo articolo è stato letto 1 volte

Toscana: approvata la variante al Pit

toscana-approvata-la-variante-al-pit.gif

La giunta regionale ha approvato la variante al Piano di indirizzo territoriale (Pit) relativa al Parco della piana e alla qualificazione dell’aeroporto di Peretola.

“La giunta ha detto la sua – commenta il presidente Enrico Rossi – con una procedura di larga partecipazione, su una tematica complessa e in discussione da molto tempo.

In primo luogo abbiamo perimetrato il parco della piana, compiendo una scelta di tutela di aree ancora agricole e verdi in una zona fortemente urbanizzata.
Con il consenso dei comuni in questi 7000 ettari verdi non ci saranno più lottizzazioni. Questo è e sarà il grande polmone dell’area metropolitana” .

Si conferma anche il parco di 80 ettari compreso nella lottizzazione Ligresti. Si prevede inoltre la qualificazione e lo sviluppo dell’aeroporto di Peretola, con una analisi di due ipotesi, quella del prolungamento della pista attuale e quella della realizzazione della pista parallela.

La variante al Pit mette a fuoco i pro e i contro di entrambe le soluzioni, gli impatti, i vincoli, gli interventi necessari, e stabilisce prescrizioni e criteri di valutazione.

“Sarà la società di gestione dell’aeroporto – ha proseguito il presidente Rossi – a incaricarsi del progetto in base alla soluzione che giudicherà migliore. La Regione non può sciogliere tutti i nodi, ma indica tutti gli interventi che devono essere messi in conto per l’una e per l’altra soluzione”.

Il presidente ha ribadito l’obiettivo di una società unica per gli aeroporti di Peretola e di Pisa: “E’ una scelta cruciale – ha detto – per presentarsi come terzo polo nazionale, in un quadro generale in cui la Toscana ha una sua naturale vocazione logistica.

Una società unica è utile per evitare una inutile concorrenza tra le due infrastrutture. Continuerò a lavorare per questo obiettivo anche se so che ci sono resistenze e obiezioni, come sempre accade per un progetto forte.”

La variante sarà presentata entro pochi giorni al consiglio regionale per l’approvazione.

Fonte: www.regione.toscana.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>