Questo articolo è stato letto 5 volte

Trento, modificato il Piano per l’edilizia sanitaria

Venticinque milioni di euro: questa la somma messa a disposizione dalla Provincia per ricostruire l’ospedale San Giovanni di Mezzolombardo.

Con una delibera firmata dall’assessore alla salute e politiche sociali Ugo Rossi, la Giunta provinciale ha provveduto a modificare il Piano per l’edilizia sanitaria al fine di consentire la programmazione finanziaria dell’intervento di ricostruzione del presidio ospedaliero evacuato il 26 gennaio di quest’anno a seguito del venir meno delle condizioni di sicurezza dell’immobile.

Dei 25 milioni di spesa programmata e finanziata sul bilancio provinciale, 1 milione è destinato alla demolizione della struttura esistente e per i sottoservizi e 24 milioni per l’apprestamento dell’area e la realizzazione della nuova struttura, che sorgerà nell’area attualmente occupata dal vecchio ospedale.

Il nuovo ospedale – ha confermato l’assessore Rossi – sarà pronto entro tre anni e manterrà in gran parte quel che c’era, ma esso assumerà a tutti gli effetti la caratteristica di Presidio Integrato Distrettuale e si attiveranno anche nuovi e più efficaci strumenti organizzativi e professionali.

La nuova struttura si qualificherà per la presenza delle seguenti funzioni e attività: hospice, ambulatorio medico d’urgenza e accettazione, radiodiagnostica, attività chirurgica (chirurgia / ortopedia), attività specialistica ambulatoriale.

Non solo, si prevede anche una nuova offerta di servizi ambulatoriali che potrebbero costituire un punto di riferimento non solo per i residenti nel distretto quali ortopedia, neurologia, urologia. Altra importante novità è poi quella del Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare.

“Ringrazio ancora una volta sia gli amministratori della zona quanto l’Azienda sanitaria e le strutture dell’Assessorato per l’impegno profuso nell’affrontare questa emergenza, impegno che ci ha permesso di delineare una risposta davvero tempestiva e che sarà all’altezza delle aspettative, ne sono certo”.

Fonte: www.provincia.tn.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *