Questo articolo è stato letto 9 volte

6000 Campanili, gli elenchi di tutti i Comuni coinvolti finora

6000-campanili-gli-elenchi-di-tutti-i-comuni-coinvolti-finora.gif

Al termine della scorsa settimana abbiamo dato la notizia della firma da parte di Lupi del secondo decreto per i 6000 campanili: si tratta della seconda tranche di finanziamenti.

RIASSUMENDO
Il programma 6000 campanili consiste in 100 milioni di euro stanziati per l’adeguamento normativo di edifici pubblici esistenti, messa in sicurezza del territorio, la ristrutturazione e ri-funzionalizzazione di edifici pubblici, la nuova costruzione di edifici pubblici e la realizzazione e la manutenzione di reti viarie e infrastrutture o reti telematiche di NGN e WI-FI. Ogni progetto scelto potrà usufruire di risorse da 500.000 a 1.000.000 di euro. 6000 Campanili riguarda i piccolimedi centri storici.

Il Ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi a metà gennaio aveva firmato il primo decreto sui 6000 Campanili e l’aveva inviato alla Corte dei Conti: cioè, con il fondo di 100 milioni di euro stanziato nel Decreto del Fare sono stati già finanziati i primi 115 progetti.

Si attendeva un secondo decreto con una seconda graduatoria di altri 60 Comuni finanziati con gli ulteriori 50 milioni di euro assegnati al Programma 6000 Campanili dalla Legge di Stabilità. Come detto, la seconda firma è arrivata: 59 progetti, per un finanziamento totale di ulteriori 50 milioni di euro che vanno ad aggiungersi ai 115 già approvati con la prima fase del programma.

MA QUALI COMUNI SONO A CUI VANNO I FONDI?
Potete leggere la graduatoria dei Comuni della prima tranche del Programma 6000 Campanili (è quella già pubblicata a inizio gennaio), e la graduatoria dei Comuni della seconda tranche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>