Questo articolo è stato letto 4 volte

Decreto sviluppo, sale a 50 anni il diritto di superficie sulle spiagge

decreto-sviluppo-sale-a-50-anni-il-diritto-di-superficie-sulle-spiagge.jpg

Richiesta bipartisan nelle Commissioni bilancio e finanze della Camera per un rinvio al 16-17 giugno dell’approdo nell’Aula di Montecitorio del dl sviluppo, calendarizzato invece per lunedì 13.
E c’è anche chi vorrebbe tornare alla data del 21 giugno, prima ipotesi formulata durante l’incardinamento del provvedimento.

Motivo del rinvio, i referendum di domenica prossima. Il voto degli emendamenti dovrebbe svolgersi non prima di giovedì e potrebbe addirittura slittare all’inizio della prossima settimana.
Anche la mole di emendamenti presentati, oltre 1.500, non contribuisce ad abbreviare i tempi di approvazione del decreto legge (nella serata di martedì c’è stato il giudizio di ammissibilità).

Tra i temi caldi torna il diritto di superficie sulle spiagge: da maggioranza e opposizione arriva la richiesta di stralcio delle norme, l’articolo 3 del dl sviluppo, anche se la Lega, nel caso non fosse ottenuto, manterrebbe la richiesta per un aumento da 20 a 50 anni dei diritti di superficie.

Ricordiamo che inizialmente il testo del provvedimento prevedeva una durata novantennale del diritto di concessione, poi scesa a 20 anni nella versione pubblicata nella Gazzetta ufficiale, ma fin dalla sua introduzione ha scatenato polemiche politiche, di settore e critiche da parte dell’Unione Europea che aveva già avviato una procedura di infrazione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>